Dove mangiare a Napoli Dove mangiare in Campania Senza categoria

Pizzera “10” di Diego Vitagliano. A Pozzuoli si scomoda Maradona.

fr
Straccetti di pizza fritta

Ai tempi dei social network  la pizzeria “10” di Diego Vitagliano non può che essere un nome  caldo per tutti gli appassionati di pizza. Questo giovane pizzaiolo  di Pozzuoli ha, infatti, scalato in pochissimo tempo le classifiche di gradimento dei pizzofili più pretenziosi ed  è entrato di diritto anche in quella del gambero rosso sulle 50 migliori pizzerie d’Italia. Proprio per questo motivo non potevo sottrarmi alla trasferta puteolana per constatare dal vivo se le belle foto sapientemente veicolate sul web corrispondevano o meno al vero.

Il locale è molto semplice e essenziale , ma  accogliente grazie alla genuina cordialità dei giovani ragazzi che vi lavorano. Il menù si compone essenzialmente di due tipologie di pizza.
Da una parte ci sono quelle classiche, dall’altra quelle che sullo stesso stesso menù sono definite “di pariata”, cioè per sbizzarrirsi coi gusti.

Tutte sono connotate da un cornicione bello corposo ( a canotto), da un impasto morbido e leggero, nonché da buoni ingredienti selezionati.

fr1.jpg
Metà con alici salate e fior di zucca, metà con ragù

Io ne ho provate ben quattro.

Prima però di parlare della pizza voglio spendere due parole sugli sfizietti ordinati come antipasto:

gli straccetti i pizza fritta con pesto di zucchine alle mandorla non mi hanno entusiasmato, mentre ho molto apprezzato le crocchette pepate fatte in casa

Tornando poi alla pizza, tra quelle assaggiate, ho molto apprezzato quella coi fiori di zucca e con le alici sotto sale di Cetara ( a proposito, ma se non sono di Cetara cosa cambia?). Per quanto mi riguarda si è un giusto mix di sapori veramente interessante sia per l’equilibrio che c’è tra mare e terra che per l’esplosività degli ingredienti.

fr3
Pizza con parmigiana e con polpettine

Poi ne ho provata una con ragù napoletano e polpettine sopra.

Una bomba calorica che non lascia indifferente il palato, ma che è talmente imbottita di roba da risultare un’altra cosa rispetto ad una semplice pizza.

Lo stesso discorso moltiplicato però per cinque vale anche per la pizza con il sugo di genovese ricoperta da uno strato di patatine fritte.  Per me, abituato ad una pizza con il sugo di genovese più semplice, è stata una piccola delusione che non riproverei e non consiglierei ad altri avventori.

Infine ho assaggiato la margherita.

Morbida, essenziale quanto basta, ma gustosa.

Ebbene, alla luce della mia esperienza, mi sento di dire che quella di Diego Vitagliano è una buona pizza. Non superlativa come reclamizzato e come sembrerebbe su facebook, ma comunque buona. Sebbene il menù sia molto allettante e spinga a scegliere pizze alternative e fantasiose, credo che sia necessario non cedere alla tentazione e provare le pizze più tradizionali.

Anche perché le pizze tradizionali partono da 6 euro, mentre quelle farcite dai 10.

In ogni caso è da provare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...