Se eravate in trepidante attesa per leggere la recensione del Narrabondo sulla “panuozzeria” più cool della costiera amalfitana, sappiate che quel momento è finalmente arrivato.

E, invero, le numerose autovetture che, soprattutto nei fine settimane, paralizzano il traffico attorno a questo locale di Vietri sul Mare costituiscono solo il più evidente degli indizi a favore di una sosta da “I Due Fratelli”.

Il loro panuozzo e la loro pizza, infatti, sono destinati a lasciare il segno.

Andiamo con ordine:

Appena entrati ci si rende subito conto di trovarsi in una macchina da combattimento perfetta con un personale celere ed efficiente, ma estremamente gentile e attento. Il locale, invero volutamente rustico e di stile gragnanese, è di fatto costituito da una sala principale e da due ulteriori piani ammezzati in cui le persone sopra il  180 cm rischiano di dare una botta con la testa.cuoppo

Ciò fermo restando, oltre al panuozzo e alla pizza, ci si può deliziare con una serie di antipasti di mare davvero notevoli. In particolare una porzione di “cuoppo fritto” (con gamberi, totani e alghe ), che nel menu risulta indicata per due persone,  è di fatto talmente abbondante da rivelarsi più che sufficiente anche per quattro persone.

Sulla scorta di tanto risultano essere molto apprezzati anche il polipo affogato e il sauté di cozze.

panuozzo2

Dopodiché si può passare alle portate principali che rendono questo locale tanto attraente nel suo genere, il panuozzo e la pizza, entrambi sufficienti anche qui per almeno due persone ed entrambi ricchi dei più svariati ingredienti ( pancetta, funghi,  provola, melanzane, etc etc).

Quanto al panuozzo, devo dire che così saporito non l’ho mai mangiato nemmeno a Gragnano ( ovvero nella patria del panuozzo) e, se ne avessi avuto la forza, ne avrei ordinato volentieri un altro.

pizza-a-metro-margherita

Allo stesso modo la pizza, connotata da un impasto molto alto e consistente, è un prodotto di  livello, tanto da indurre più di un commensale a richiedere la doggy bag per portarsela a casa.

Sui dolci non posso dire alcunché: e chi ce la faceva a mangiare altro?

Prezzi contenuti.

Annunci

Pubblicato da narrabondo

A volte viaggio, altre volte mangio. Di solito respiro. Da quando ho percorso il cammino di Santiago per la prima volta, ho deciso che il mondo è più bello se visto a piedi. Se visito una città, raramente prendo un autobus o una metropolitana. La trovo una perdita di tempo che impedisce di godere appieno del viaggio. Sono nato a Napoli e, anche se ormai vivo lontano, continuo ad amarla profondamente. Conosco la Spagna come le mie tasche, ma continuo a trovare sempre una scusa per tornarci e viverla. Ciò nonostante ogni tanto però fingo di interessarmi a qualche altro paese e ne scrivo. Scrivo pure di roba da mangiare e ristoranti, ma è solo una scusa per giustificare la mia pancia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Con i libri in paradiso

I libri servono a capire e a capirsi

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

MioCaroBlog

Positiva, sempre!

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Num3ri v 2.0

I miei numeri - seconda versione

SOGNA VIAGGIA AMA

L' essenza dello spirito dell'uomo sta nelle nuove esperienze

Roma03

La guida di Roma e provincia per bambini da 0 a 3 anni, neonati e gravidanza: ludoteche, librerie, parchi, corsi, eventi e laboratori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: