Senza categoria

Un fisco per nemico.

Sto preparando il ricorso alle Commissioni Tributarie per una cartella di pagamento notificatami dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione ( la ex Equitalia) di 2000,00 euro per il mancato pagamento di tasse per la registrazione di provvedimenti giudiziari che spettavano alla stessa Agenzia delle Entrate – Riscossione.

In pratica  la Agenzia delle Entrate – Riscossione mi chiede di pagare – con tanto di sanzioni – somme che avrebbe dovuto pagare lei stessa. La situazione è talmente tragicomica da essere tipicamente italiana, perché  ( come ho scritto  nel mio sfogo intitolato “perché Equitalia mi ha rotto…le scatole” ) qui in discussione non sono le leggi inique dell’ordinamento italiano, ma sono proprio le persone che dovrebbero applicarle.

Se ad esempio un medico sbaglia un intervento per colpa grave, siamo pronti sempre a fargli causa. Perché, invece, chi lavora per questi enti è praticamente immune da responsabilità?   

Stavolta non ce l’ho nemmeno con l’Agenzia delle Entrate – Riscossione ( l’ex Equitalia), perché sono abituato alla sua “faccia tosta”, ma proprio con l’Agenzia delle Entrate che ha attivato il procedimento nei miei confronti.

Nei provvedimenti giudiziari per i quali non è stata pagata la tassa di registrazione, provvedimento per i quali io sono creditore procedente, il giudice ha espressamente scritto: 

“pone a carico del debitore esecutato le spese di registrazione del presente provvedimento presso l’Agenzia delle Entrate”.

Ditemi la verità, leggendo queste due righe, è difficile capire che ad essere onerato del pagamento è il debitore ( cioè l’ex Equitalia) e  non il creditore ( cioè io)?

A farmi questo scherzetto è stato Emilio Vastarella che non solo è il responsabile del procedimento, ma è addirittura il direttore dell’ufficio ( che onore!).

Con quest’ultimo, pur di chiarire l’errore, ho persino   tentato di andarci a parlare, ma non mi ha ricevuto.

Grazie a lui ora dovrò proporre ricorso sperando che mi venga accolto.

Anche in tale occasione, tuttavia, sono sicuro che mi verranno compensate le spese – perché questa è la prassi delle commissioni tributarie! – e avrò  comunque subito un danno.

E chest è!

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...