Sansonetti su Cesare Battisti oltre ogni irragionevole Dubbio.

Recentemente mi è capitato di leggere un articolo – a firma dell’avv. Giuseppe Caravita e pubblicato  su www.avvocatirandogurrieri.it –  in base al quale nel 2018 il Dubbio, il giornale di proprietà del Consiglio Nazionale Forense ( e quindi finanziato dagli avvocati!),  ha tirato 2700 copie accumulando un debito di 618.000 euro. L’anno precedente, invece, il debito era arrivato ad un milione. Insomma, numeri alla mano, è del tutto evidente che il Dubbio sia un flop colossale cui bisognerebbe staccare al più presto la spina.

E, invero, il CNF avrebbe dovuto capire prima che l’operazione editoriale era molto… dubbia, visto che il fondatore e il direttore del suddetto giornale è Piero Sansonetti, uno che ha trasformato in fallimento tutto ciò che ha toccato nella sua vita professionale.

Lo sanno bene a Liberazione, al Riformista, a Calabria Ora e a Gli Altri, tutti giornali di cui è stato direttore ( o collaboratore) e che hanno dovuto portare i documenti contabili in Tribunale . Il caso più emblematico però è quello di Cronache del Garantismo, un giornale – sempre fondato da Sansonetti – che  è rimasto nelle edicole il tempo di uno starnuto e che, subito aver ricevuto un contributo statale di 700 mila euro, ha  poi dichiarato fallimento

Ecco, cosa ha indotto dunque il CNF a pensare che Sansonetti col Dubbio avrebbe riscosso minor insucesso?
Purtroppo non sono in grado di dirlo, essendo fuori dalle dinamiche della politica forense.

So tuttavia però che Sansonetti – comunista dal sangue blu per essere nipote di un barone salentino – ultimamente si è particolarmente eccitato per l’arresto del terrorista Cesare Battisti e ha cinguettato su twitter:

” Tutti esultano per Battisti. Tutti sono felici che venga a marcire all’ergastolo. Che lasci il suo figlioletto Brasiliano. Che paghi con la vita. Nesuno sa di cosa è accusato. Nessuno conosce le prove: non ci sono. E’ un rito pagano: tutti fratelli attorno alla forca”

sansonetti_battisti_twitter

Poi, non contento, ha iniziato a fare una serie di retwitt sempre a favore della causa di Battisti. Tra questi, più in particolare, spicca quello di Claudio Velardi, un altro comunista dal sangue blu nato nel PCI, cresciuto all’ombra D’Alema e Bassolino e pasciuto facendo il docente in università private quali Luiss e Link Campus.claudio_velardi-sansonetti

 

In proposito potrei fare tante riflessioni  alla luce del furore con cui gli estremisti di sinistra si scaldano non per la cattura di un disperato qualsiai, ma per un cinico criminale che ha goduto per anni dell’appoggio internazionale del facoltoso e potente soccorso rosso. Non è tuttavia ciò che mi preme sottolineare in questa sede.

Ciò che, invece, ritengo imprescindibile chiedere è: siamo sicuri che la maggior parte  degli avvocati vogliano continuare a pagare il contributo annuale per mantenere uno come Sansonetti?

Se Sansonetti vuole perorare la causa di Battisti, lo faccia pure, ma lo faccia non al calduccio e non in nome di un avvocatura che non rappresenta:

è troppo facile fare il rivoluzionario con la pagnotta in bocca!

Annunci

3 commenti

  1. Non mi sento sorpreso, immaginavo che qualche idiota avrebbe alzato la voce per difendere un omicida.

    Detto questo, anch’io non condivido le feste di piazza e tutte queste mobilitazioni: è una sconfitta di tutti, e si tratta comunque di una punizione tardiva.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.