Corona virus, Striscia la notizia attacca il dott. Ascierto

  • Perché Milano rosica per le soluzione napoletana? Solo Striscia la notizia poteva schierarsi con l’incontinente Massimo Galli del Sacco contro il dott. Ascierto del Pascale  

E’ un paese incredibile l’Italia, davvero incredibile. Nelle ultime settimane il prof. Paolo Ascierto ha avviato, di sua iniziativa, una sperimentazione terapeutica per i pazienti affetti da corona virus che ha dato qualche risultato. Con molta serietà e senza  cercare alcuna visibilità ha quindi condiviso l’informazione con la comunità scientifica per  consentire di adottare la medesima cura altrove, ma anziché essere ringraziato – come sarebbe normale – si è beccato insulti e denigrazione da parte dei “colleghi” milanesi.

  • La figuraccia di Massimo Galli a Carta Bianca

E’ successo infatti che, nel corso dell’ultima puntata di “Carta Bianca”, trasmissione condotta da Bianca Berlinguer, il  professor Massimo Galli del Sacco – senza alcuna apparente ragione – sia sbottato contro il dott. Ascierto con modi poco civili ( id est: maleducati) come se quest’ultimo volesse attribuirsi dei meriti che non ha.  Il dott. Ascierto, invero, non si è scomposto e non ha risposto a tono come l’incontinente  contraddittore avrebbe meritato, ma in ogni caso  la scena  è apparsa  oltremodo sgradevole agli occhi  dei telespettatori:  gli stessi,  in un momento molto difficile, hanno dovuto assistere all’isterismo di un dottore, professorone milanese, che rosicava evidentemente per i successi di un collega che è arrivato lì dove lui non era riuscito.

Anzi, se vogliamo dirla tutta, il Sacco è quell’istituto  – diretto dalla dottoressa Gismondo  e presso cui lavora anche il prof. Galli – che  si è reso responsabile di diverse mancanze in occasione della pandemia in atto,  mancanze che i lombardi ( e non solo!) stanno ora pagando molto amaramente.   Come è infatti stato riportato da diversi organi di stampa ( Cfr. Coronavirus, tutti gli errori grossolani della virologa Gismondo. Perché ancora parla?) gli elementi di spicco dell’istituto Sacco  si sono giocati buona parte della loro reputazione sostenendo che il corona virus non valesse una normale influenza.  A tal punto che la Gismondo entrò in polemica con il prof. Burioni  asserendo che Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale”.

  • L’attacco di Striscia la notizia al dott. Ascierto

Ebbene, stando così le cose, sorprende molto che Striscia la notizia ieri abbia mandato in onda un servizio canzonatorio  – che alcuni considereranno satirico e altri puramente diffamatorio –  in cui Jerry Scotti, con accento napoletano, derideva il dott. Ascierto come studentello che era stato colto mentre copiava e veniva ripreso dal prof. Massimo Galli.

Siamo alle solite storie. Siamo in emergenza, la gente muore e un certo nord – anziché curarsi del problema – lancia i suoi strali contro il sud e, soprattutto, contro quel sud geniale che offre soluzioni valide. Perché mai succede questo? Il prof. Paolo Ascierto non è caduto nel tranello ed è riuscito nella specie a tenere un bel profilo, ma resta fermo che il linciaggio che sta subendo in queste ore è ingiusto e surreale: dovrebbe essere citato come un modello di professionalità e invece viene denigrato da un certo mainstream.  A tal punto che Striscia la Notizia è arrivata a sostenere “una figuraccia” del dott. Ascierto.

massimo_galli_coronavirus

Dunque, a che gioco si   sta giocando?

Lo scorso 11 marzo, nel mio posto intitolato“Quando la tempesta sarà passata”, ho passato in rassegna una serie di dichiarazioni, comportamenti e azioni di cui dovremo ricordarci a tempo debito. Al suo interno ho altresì citato la Gismondo dell’istituto Sacco di Milano per la magra figura fatta nel sottostimare il pericolo che il corona virus stava per comportare ( Su questo tema però il programma di Ricci finora latita!).

Nello stesso ho sostenuto che una così non potrà più dirigere un istituto e bisognerà pretendere di assegnare i posti di vertice  esclusivamente per merito e per capacità dimostrate  nel corso della propria carriera.  E’ dunque un auspicio che rinnovo anche in questa modesta sede: da paziente, a occhio, preferisco essere curato a dottori come Paolo Ascierto piuttosto che da un Massimo Galli o da una Gismondo.

Allo stesso modo, inoltre, preferisco vedere trasmissioni televisive che non  operano in quanto mosse da  interessi personali, ma  allo scopo esclusivo di fare un buon prodotto.

Il professor Galli, del resto, non è esente da responsabilità: lo scorso 10 febbraio infatti parlava di fake news e aveva dichiarato pubblicamente che “Il Coronavirus in Italia non arriverà”.

Potete ascoltare/ vedere  il suo intervento in un video su youtube  (  questo è il link)

ascierto

 Di seguito si riporta quanto scritto  in proposito da Flavia Sorrentino:

Coronavirus – STRISCIA LA…MACCHINA DEL FANGO!

Questa sera nel corso di #StrisciaLaNotizia, Gerry Scotti, con tono sornione e canzonatorio, ritorna sulla polemica innescata dal Prof. Galli a #CartaBianca e – riproponendo quel vergognoso scambio di battute – fa passare il Dott. Ascierto per l’alunno svogliato e copione, che ha provato a imbrogliare i professori per fare bella figura.

Ma perché perfino il buon Virginio Scotti (già deputato del Partito Socialista della Milano da bere) ha tutta questa necessità di tutelare il Prof. Galli e l’Ospedale Sacco?

Ma cosa avrà fatto mai il Dott. Ascierto per avere tutta questa pubblicità negativa?

Perché il mondo della medicina del Nord, testate giornalistiche, trasmissioni televisive da stamattina non fanno altro che cercare di delegittimare il sistema napoletano?

Pochi ricorderanno ma proprio il Prof.Galli con la collega Gismondo -entrambi medici di punta del citato nosocomio milanese- allo scoppiare dei primi casi invitarono alla calma, a non prendere una “banale influenza” per il male del secolo.

Pochi ricorderanno che a seguito di quelle dichiarazioni il ‘business system milanese’ ha creato un video intitolato “Milano non si ferma” invitando i cittadini a uscire di casa e a frequentare i locali.

Un video che ha contribuito a diffondere il coronavirus a Milano e in tutta la Lombardia.

Un medico napoletano, umile e capace, cui tutto il mondo della medicina, specie internazionale, fa riferimento, a loro fa rabbia.

Anche più del virus.

Perchè li fa apparire in tutta la loro prosopopea ed inefficienza.

La schiacciante superiorità del Nord si è rivelata fumo.

E allora si colpisce.

In tutti i modi.

Utilizzando trasmissioni seguite da milioni di italiani […]

4 commenti

  1. Non guardo Striscia da anni, ma secondo me sbagliano a voler fare polemica su questioni “scientifiche” attaccando e deridendo persone che fanno del loro meglio per farci uscire da questa situazione.
    Un tipo si “satira” che ormai da anni non mi diverte neppure un po’.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.