Mentana si fa invadere dalla Polonia.

  • L’ambasciata di Polonia umilia Mentana per espressioni lesive dell’immagine del paese.

Che figura di Mentana!

La cattofobia del direttore del tg di la 7 e di Open, già emersa in forma acuta nel corso del forum della famiglia di Verona e dagli attacchi pubblicati sul suo giornaletto Open,  stavolta è quasi costata un incidente diplomatico con l’ambasciata di Polonia in Italia.

Enrico mitraglietta, infatti, col tono serafico e fintamente autorevole che da sempre lo contraddistingue, è infatti intervenuto nella querelle conseguente alla conversione all’islam di Silvia Romano lasciandosi  andare ad un incauto, pretenzioso e francamente controverso paragone. Egli infatti – rendendosi così protagonista di una serie di stroppole storiche di rara gravità – ha sostenuto che Hitler  fosse cattolico e poi insinuato che  la tragedia Auschwitz fosse da ascrivere alla responsabilità del popolo polacco in quanto cattolico.

Con ciò dimostrando di ignorare due circostanze che non sfuggono ai più con una cultura basica:

a) Hitler sosteneva il pangermanesimo e l’arianesimo ( cioè paganesimo) osteggiando apertamente il cristianesimo. Per questo soleva dire: o si è cristiani, o tedeschi ( per approfondimenti leggasi da Wikipedia  “il pensiero religioso di Hitler  );

b) La Polonia è stata invasa dai nazisti. Non è stata la cattolica Polonia a costruire  Auschwitz.  Semmai la Polonia è stata vittima di un disegno di genocidio che ha toccato la stessa classe dirigente polacca ( cattolica), oltreché la comunità ebraica che viveva a Cracovia.

Ebbene, davanti a queste stroppole, ci saremmo subito aspettati un bell’articolo del pupillo David Puente – giornalista di Open e attualmente membro del comitato antifake news voluto dal governo –  per fermare le “fake news”  ( leggasi l’articolo “Prove tecniche di regime”).

Tuttavia non c’è stato  nemmeno il tempo per apprezzare l’omissione colpevole, visto che è  prontamente intervenuta direttamente l’Ambasciata di Polonia in Italia per manifestare la sua incredulità con legittimo sdegno.

L’ambasciata ha infatti scritto:POLONIA

“Siamo estremamente sorpresi, direttore, che proprio Lei, giornalista apprezzato e di grande cultura, abbia scritto che desiderava “ricordare il campo di Auschwitz  sorgeva nella cattolicissima Polonia” Riteniamo doveroso sottolineare che, affrontado temi così complessi, bisogna essere estremamente prudenti, evitare generalizzazioni ingiustificate e penalizzanti che sono sempre pericolose e impediscono un dibattito onesto. E’ vero che la Polonia ai tempi della seconda mondiale era molto cattolica. E’ necessario però  sottolineare che ,  durante quel conflitto globale,  la Polonia ERA OCCUPATA DAI NAZISTI, quindi ogni affermazione che può suggerire o far presupporre che Auschiwtz sia stato costruito in Polonia perché la stessa era cattolicisima – mettendo quindi in relazione questi due elementi – è profondamente SBAGLIATO, INGIUSTO E INGIUSTIFICATO. Il più grande campo di concentramento è stato localizzato in Polonia, ma certo non per questa ragione, ma piuttosto è in Polonia che viveva il maggior numero di Ebrei in Europa e  la posizione era facilmente raggiungibile da trasporti in tutti occupati dai nazisti.

Infine è poi intervenuta anche l’ambasciatrice di Polonia in Italia  –  la dottoressa Anna Maria Anders  – che su twitter ha commentato: ” Scandaloso, non ci sono scuse per questo tipo di commento”. E, invero, l’ambasciatrice Anders è figlia del generale che guidò 25mila polacchi nella Battaglia di Montecassino proprio contro i nazisti.

Anna Maria Anders
@Anna_M_Anders

In risposta a

Yes. We are on top of it. You are right – scandalous – no excuse for this type of comment

Insomma, grazie a Mentana, il popolo italiano ha fatto una bella figuraccia!

N.B. Aggiornamento del 12.05.2020: Mentana, anziché scusarsi, si è scagliato contro i trolls che hanno “aizzato” l’ambasciata; con cui peraltro facendo pensare che il personale diplomatico sia talmente ingenuo da potersi fare strumentalizzare. E già, Mentana scrive stroppole e la colpa è degli alieni. Fermiamolo altrimenti la Polonia ci dichiara guerra ( ovviamente a ragione).

6 commenti

  1. La Polonia, come Nazione e como popolo, è stata una delle grandi vittime della II Guerra Mondiale.
    Che dopo al suo interno ci siano stati “conniventi” con Hitler, può essere, ma ciò è capitato ovunque, senza bisogno di colpevolizzare un popolo intero.

    Non penso che la brutta figura l’abbia fatta “il popolo italiano”.
    L’ha fatta mitraglietta.

    "Mi piace"

      • Mentana è vittima di se stesso.
        E’ bravo, è davvero bravo.

        Ma – PURTROPPO – sa di esserlo.
        Il giornalista non deve cullarsi negli allori, deve essere umile (cosa che lui non è) e deve essere neutrale (lui lo è, ma non sempre, ma questo è umano).

        Il fatto è che lui fa il “maestrino”, vuole sempre far vedere a tutti “quanto è bravo”, interrompe chiunque per avere lui la parola, con i colleghi di redazione fa il despota e da ordini (lo può fare, ma non davanti alle telecamere).

        Poi, sai, una topica può capitare a tutti.
        Ma lui è pure permaloso…

        "Mi piace"

      • Guarda, sul fatto che sia neutrale non sono d’accordo. Inserisce sempre la sua opinione quando dà la notizia e Open, il suo giornale, è apertamente schierato su posizioni radicali. Negli ultimi anni ha perso e si sa rovinando la carriera. Sono d’accordo con le tue riflessioni nel merito.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.