Cuzco, il fu ombelico del mondo ( Viaggio in Perù – cap. 9)

20150913_124707

Si dice che chi arrivi a Cuzco per la prima volta ne rimanga talmente estasiato da considerarla la città più bella del mondo.
E, invero, effettivamente per un sudamericano che arriva nell’ex capitale inca il colpo d’occhio deve essere notevole:

la plaza de Armas è un concentrato di bellezza che da sola vale un viaggio, ma è pur vero che si tratta di un concentrato di bellezza tutto spagnolo per stile e ambientazione.

Noi vi arriviamo poco dopo l’alba, dopo aver camminato a piedi per oltre mezzora dalla stazione degli autobus.

20150914_112258

Al centro vi è  l’enorme cattedrale di metà ‘500 con opere attribuite a Van Dick, a destra invece la più piccola e forse anche più raffinata Chiesa della Compagnia di Gesù. Infine i particolarissimi portici in pietra e in legno chiudono la cornice attorno a casette che a me sembrano essere state rubate al Trentino Alto Adige.

20150914_120104

Salendo per i viottoli che partono dalla piazza è poi possibile scoprire il bellissimo quartiere di San Blas e conoscere le mura inca, tra cui anche una pietra di dodici angoli, su cui poi gli spagnoli hanno costruito il palazzo arcivescovile. San Blas è per il resto un quartiere fatto da viottoli, lastricati, botteghe e salite, tante salite: per me è il più bello di Cuzco.

IMG_3934

Cambiando zona e tornando nei dintorni della plaza de Armas sarà poi possibile visitare innumerevoli chiese, tra cui quelle de La Merced e di San Pedro. Una particolare attenzione, tuttavia, la merita il convento di Santo Domingo, posto che al suo interno è tuttora visibile un recinto sacro inca: si tratta di una convivenza unica nel suo genere.

20150914_165857

Assai deludente, invece, risulta essere il museo arte precolombiana:  sebbene l’edificio che lo ospiti sia molto belle, le sale offrono quattro “ciappette” di artigianato realizzate dai vari popoli preoincaici che abitarono nella zona di Nazca, Ica, Pisco e Paracas.

IMG_3976

Allo stesso modo non ho trovato nulla di speciale nel mercato di San Pedro: è solo un richiamo per turisti in cui non si trova nulla di diverso rispetto ai tanti altri mercatini operativi un po’ ovunque nello stesso centro di Cuzco.

A me – se posso essere sincero fino in fondo – la città ricorda tantissimo sia Salamanca che Santiago de Compostela e un po’ ovunque l’edilizia ripercorre la storia coloniale del Perù. Lalli su questo punto è d’accordo.

20150914_171010

Cuzco almeno nei quartieri frequentati dai turisti si rivela essere una città sicura e dopo due settimane e mezzo in Perù è bello riscoprire il piacere di poter girare tranquillamente anche di sera. Ciò nonostante, appena usciti dal recinto turistico, Cuzco si trasforma in una enorme favela in cui i cani randagi si azzuffano per spartirsi la spazzatura rovesciata in mezzo alla strada.

Segno che col turismo il benessere non è arrivato proprio per tutti

20150913_124723

Il nostro soggiorno in città, per il resto, è abbastanza disincantato. Fermarci vari giorni qui è innanzitutto un modo per recuperare le energie. I mercatini di cucina tipica, lo spettacolo serale dei fuochi d’artificio per non so quale festa e una semplice passeggiata hanno invero un effetto terapeutico. 20150914_092108

Eppure Cuzco non ci conquista.
Sarà pure più civile e sviluppata, ma le persone sono tutt’altro che socievoli e considerano lo straniero solo un pollo da spennare. Per questo motivo l’unica persona per la quale finiamo per provare simpatia è un ragazzo argentino che, per finanziare il suo viaggio attorno al mondo, lavora in un ristorante in cui andiamo tutte le sere.

Al riguardo trovo che le ragioni per le quali ci è stato subito simpatico siano talmente evidenti che non vanno nemmeno spiegate.

20150914_08534820150924_144700

Annunci

Pubblicato da narrabondo

A volte viaggio, altre volte mangio. Di solito respiro. Da quando ho percorso il cammino di Santiago per la prima volta, ho deciso che il mondo è più bello se visto a piedi. Se visito una città, raramente prendo un autobus o una metropolitana. La trovo una perdita di tempo che impedisce di godere appieno del viaggio. Sono nato a Napoli e, anche se ormai vivo lontano, continuo ad amarla profondamente. Conosco la Spagna come le mie tasche, ma continuo a trovare sempre una scusa per tornarci e viverla. Ciò nonostante ogni tanto però fingo di interessarmi a qualche altro paese e ne scrivo. Scrivo pure di roba da mangiare e ristoranti, ma è solo una scusa per giustificare la mia pancia.

Unisciti alla discussione

11 commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  1. Quella piazza è straordinaria. Case prese dal Trentino? La tua fantasia è sconfinata. Beato te che puoi conoscere il mondo 😛

    Mi piace

Con i libri in paradiso

I libri servono a capire e a capirsi

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

MioCaroBlog

Positiva, sempre!

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Num3ri v 2.0

I miei numeri - seconda versione

Veronica Iovino

Sogna Viaggia Ama

Roma03

La guida di Roma e provincia per bambini da 0 a 3 anni, neonati e gravidanza: ludoteche, librerie, parchi, corsi, eventi e laboratori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: