Ricordi

Io e la neve

Io e la neve ci siamo ufficialmente presentati quando ero alle scuole elementari.  Un giorno mia mamma venne a prendere me e mia sorella all’uscita di scuola e ci portò in un posto raggiungibile in meno di mezzora di macchina in cui aveva nevicato un pochino e potetti scoprire la soddisfazione che dà prendere a pallate di neve una persona ( nella specie il mio nemico di sempre numero uno). In quella occasione mi tolsi pure i guanti e scoprì cosa significa avere le mani congelate per il freddo.

Mia mamma ha sempre ha avuto una passione per la neve e una volta, anche se non ha mai imparato a sciare,  organizzò una gita di un giorno a Roccaraso. Io  ero già in quinto ginnasio e, anche se avevo l’ansia per non aver studiato i Malavoglia, mi ricordo che mi divertì tantissimo a lanciarmi con lo slittino.

Ho imparato quindi a sciare – rectius a stare in piedi sugli sci – quando ero già all’università. Mi sembra dopo aver dato l’esame di diritto amministrativo. Mio zio, che è un vero appassionato di sci, mi aveva portato con sé assieme alla famiglia e ad un gruppo nutrito di amici, fornendomi tutte le spiegazioni per sciare con dignità. Il primo giorno il numero di cadute fu tale che tornai in albergo stendendomi subito sul letto in segno di resa, ma – dopo una settimana – riuscì già a fare le piste rosse. Pollino allora era piccolo ed era uno spettacolo vederlo come si lanciava  come un razzo sulle piste. Certo, per me era anche umiliante essere battuto in uno sport da un bambino di 8 anni – diamine, lo è sempre a prescindere da ogni circostanza –  ma vederlo entusiasta era estremamente divertente.  Pollino in quel periodo diceva sempre che avrebbe voluto trasferirsi con la scuola proprio sulla neve e lo diceva con una tale convinzione da far riflettere. A dire il vero, era un tantinello fissato. Per lui, da aprile a settembre, c’era il wind surf, mentre  da ottobre a marzo era la stagione della neve. Ci divertivamo assieme anche in albergo con l’animazione per i bambini cui, per forza di cose, partecipavo anche io.

Tornerò ancora a sciare sulla neve. Tornerò anche con mio zio e Pollino –  ne sono sicuro –  ma gli episodi che ho raccontato nella mia mente rimarranno per sempre i più belli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...