Mostar-and-Pocitelj-day-trip-from-Makarska-Riviera-3-17394.pngSi prepara ancora il caffè turco per le strade di Mostar.

Nell’ibrik, il bricco in ottone dalla forma allungata, prima si  fa bollire l’acqua sul fuoco, poi si aggiunge il caffè macinato. Produce un odore esotico che è tuttora usuale a Mostar nonostante siamo passati sei secoli da quando sono arrivati gli ottomani da queste parti.

Dell’impero austro-ungarico, invece, non è rimasta alcuna eredità. Tutto sommato l’esperienza è durata poco. Eppoi ci sono troppe cicatrici  da coprire: nazisti, nazionalisti serbi, comunisti. Non si sono fatti mancare nulla.

Tanto è vero che quando quel bastardo di Tito crepò a Lubiana, lassù al Nord, per trasferirsi per sempre all’inferno,  da queste parti non fu versata una sola lacrima.

Ci sono voluti altri 12 anni di sonno prima di provare a dichiarare l’indipendenza.

Poche ore dopo arrivarono i primi bombardamenti serbi e montenegrini.

Fu l’inizio di un assedio durato nove mesi durante il quale venne distrutto un monastero francescano, la Cattedrale dedicata alla Beata Vergine, il palazzo vescovile e una antichissima biblioteca con otre 50.000 volumi

Ma non furono solo i cattolici a contare i danni. Nemmeno i musulmani vennero risparmiati.

E tantomeno fu risparmiato il ponte di pietra del XVI secolo: quel mortaio croato incaricato del misfatto continuò a svolgere il suo lavoro finché l’opera di distruzione non fu portata a termine.

Quando infine fu ordinato il cessate il fuoco, la città rimase divisa per due anni tra croati e bosniaci. Esattamente come a Berlino solo che in luogo del muro  ci pensavano i cecchini a far rispettare i confini.

Eppure 10 anni più tardi Mostar è stata dichiarata patrimonio della umanità

 

 

Annunci

Pubblicato da narrabondo

A volte viaggio, altre volte mangio. Di solito respiro. Da quando ho percorso il cammino di Santiago per la prima volta, ho deciso che il mondo è più bello se visto a piedi. Se visito una città, raramente prendo un autobus o una metropolitana. La trovo una perdita di tempo che impedisce di godere appieno del viaggio. Sono nato a Napoli e, anche se ormai vivo lontano, continuo ad amarla profondamente. Conosco la Spagna come le mie tasche, ma continuo a trovare sempre una scusa per tornarci e viverla. Ciò nonostante ogni tanto però fingo di interessarmi a qualche altro paese e ne scrivo. Scrivo pure di roba da mangiare e ristoranti, ma è solo una scusa per giustificare la mia pancia.

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Con i libri in paradiso

I libri servono a capire e a capirsi

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

MioCaroBlog

Positiva, sempre!

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Num3ri v 2.0

I miei numeri - seconda versione

SOGNA VIAGGIA AMA

L' essenza dello spirito dell'uomo sta nelle nuove esperienze

Roma03

La guida di Roma e provincia per bambini da 0 a 3 anni, neonati e gravidanza: ludoteche, librerie, parchi, corsi, eventi e laboratori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: