europa dell'est

I Bagni Széchenyi e le terme Gellert a Budapest 

Ci sono tanti motivi per andare a Budapest: ci sono gli scenari mozzafiato lungo il Danubio, ci sono i ruins pub,  c’è una bella movida serale e si mangia pure bene.

Ciò che tuttavia, a parer mio, rende unico un viaggio nella capitale ungherese e permette di vivere una esperienza che altrove è impensabile è un tour delle terme più belle. Per me entrare in una sola di esse è sinceramente un peccato, perché, essendocene  per tutti i gusti e per tutti gli stili,vale la pena esplorarle il piu possibile: ce ne sono di eleganti e di  kitsch, di divertenti e di rilassanti, di costose ed economiche. Non si tratta di semplici terme come siamo abituati oggigiorno a pensare, ma di una occasione per ritornare all’antica Roma quando le terme erano un modo per politici e uomini d’affare per discutere delle loro faccende.

A Budapest da secoli andare alle terme è un vero e proprio stile di vita. Qui  ci sono ben 118  sorgenti di acqua termali e temperature che producono oltre 70 milioni di litri d’acqua al giorno che vanno dai 21° ai 78°. Tanto è vero che già in epoca romana Budapest era chiamata ” città dell’acqua”

Ciò detto, oltreché per la indubbia bellezza architettonica di talune strutture, vale la pena visitarle proprio perché  regalano  sensazioni di benessere che ti riconciliano col mondo.

Quelle su cui vale la pena fare un pensierino sono:

  • Le terme Géllert.

  • gellert.jpg

Le terme Gellért sorgono ai piedi dell’omonima collina sul lungo Danubio e sono le più antiche della città in quanto conosciute sin dal 1300. Le attuali sono state inaugurate formalmente nel 1918 e offrono la possibilità di “tuffarsi” nella Belle Epoque ungherese grazie a vasche impreziosite da mosaici, ceramiche statue e puttini. Consta di ben sei piscine al coperto con acque che vanno ad una diversissima temperatura, dai 2 ai 48°, e offrono quindi la possibilità di passare repentinamente dal caldo al freddo. Come già precisato,  gli ambienti sono tutti in stile liberty e lasciano…di stucco per l’eleganza e la bellezza.

  • Il bagno è aperto ogni giorno dalle 6 del mattino fino alle 8 di sera (la vendita dei biglietti finisce 1 ora prima della chiusura e le vasche vanno lasciate 15 minuti prima dell’orario di chiusura).
  • Il biglietto d’ingresso nell’unità balneare costa 5600-6200 fiorini per l’intera giornata con l’uso degli armadi.

 

  • I Bagni Széchenyi 

sz.jpg

Scommetto che, come me, avrete diversi problemi a pronunciarne il nome. Ciò nonostante le   Széchenyi  sono sicuramente le terme più famose e grandi di Budapest. Ha 5 piscine all’aperto e 12 bagni termali, dove – in alcuni casi – l’acqua  raggiunge 77°e quindi sono fruibili anche in pieno inverno quando si è circondati dalla neve. Si tratta della prima stazione termale di Pest e sono state inaugurate nel 1913. Il complesso – davvero molto esteso –  è in stile “neobarocco” e si connota per stucchi, mosaici, statue e decorazioni totalmente diverse rispetto alle Gellért.

  • Orario del bagno termale: 06:00-19:00
    Orario della piscina: 06:00-22:00
    Dal 1 de marzo l’orario è 06:00-22:00 ovunque
  • Biglietto giornaliero 5700 fiorini con l’uso della cabina, senza 5200.

 

  • I Bagni Király

    I bagni Kiraly sono più piccole e raccolte rispetto a quelle che ho citato su, ma sono di uno stile ancora diverso. Sono state infatti costruire nel 1500 nel corso dell’occupazione ottomana. Di fatto ha mantenuto gli elementi di un bagno turco come è ravvisabile dalla cupola e dalla stessa piscina ottagonale.   Ha poche vasche, due saune e un bagno turco. Inoltre offre la possibilità di fare il bagno in una tinozza piena di acqua a 50° quando la temperatura ambiente magari e a – 10/15°. L’unica nota negativa è che forse ha mantenuto standards di pulizia..antichi.

 

  • Orario 9 – 21
  • Prezzo: 2800 fiorini

 

  • Bagni Rac

budapest_racz4.jpg

Si trovano a Buda e sono ospitati da una struttura termale di complessivi  8000 metri quadrati. Famose per il bagno turco risalente al XVI secolo,  sono molto belle per le  e piscine imperiali e per il Corridoio delle docce costruite nel periodo  dell’Impero-Austroungarico.

  • Terme Rudas

Anche le terme Rudas sono state costruite durante la dominazione ottomana. Sono più spoglie rispetto alle precedenti, ma non per questo meno affascinanti.  Offrono saune, bagno turco e docce, piscina, 4vasche termali e una vasca all’aperto situata sul tetto da dove si vede tutta Budapest

  • Prezzo: 5000 fiorini
  • Orario: 6 – 22.00
  • Palatinus Strand

margitsziget-palatinus-strand525

Se vi volete scialare e volete anche fare qualche tuffo dagli scivoli giganti, sull’isola Margherita è possibile andare al Palatinus Strand. Non sono terme storiche, non sono particolarmente belle, ma sono all’aperto e danno la possibilità di fare un po’ di casino. Oltre alle piscine di acqua calda, tiepida e freddissima, ci sono anche gli scivoli di più metri. Non è altro che un acqua park con acqua termale! Ovviamente  la struttura è  fruibile solo d’estate.

  • Orario 8.00 – 20.00
  • Prezzo: 2400 fiorini
Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...