“Forno a legna”, “orto” e “presidio slow food”  sono le parole chiave che ho sempre visto associare  alla pizzeria Vaccaro e che mi hanno indotto ad organizzare la trasferta a Tramonti, un paese in cui per tradizione il numero dei pizzaioli supera quasi il numero degli abitanti.

Il locale, che è anche un tipico bar di paese in cui trascorrere i rigidi e solitari inverni tramontini, per quanto rustico, appare da subito molto accogliente grazie alla affabilità dei proprietari.

Per il resto, tutta l’attesa si concentra sulla pizza, attesa purtroppo resa assai estenuante cui i pizzofili moderni non sono più abituati.

vac2

Il prodotto finale, in ogni caso, si rivela da subito molto “generoso” e  pieno di “roba” così come traspare dalle foto.

Sia chiaro: roba dell’orto, mica pizza… e fichi!

Si tratta cioè di roba genuina che, come si dice oggigiorno per fare i fighi, è veramente a chilometro zero ed è un lusso per una pizzeria.

Ciò fermo restando, sebbene il disco sia molto piatto,  l’impasto appare ben lavorato e tutto sommato ben cotto, segno che ci ha messo mano fa questo da una vita.

E, allora, qual è il problema?

Il problema è che per me è stata né più né meno di una delle tante pizze che si può mangiare in costiera amalfitana, una pizza standard che non mi ha colpito particolarmente e che non ha giustificato la deviazione rispetto ad una qualunque altra pizzeria della zona.

L’ho trovata troppo “tosta” e poco digeribile, tanto è vero che – dopo 12 ore – sono qui a scrivere la recensione e ce l’ho ancora “inchiommata” sullo stomaco.

Inoltre sinceramente i prezzi sono risultati essere sproporzionati rispetto al contesto in cui si trova.

Insomma, per farla breve, Tramonti mi ispira per tante prelibatezze culinarie, ma alla pizzeria Vaccaro non tornerei appositamente.

Annunci

Pubblicato da narrabondo

A volte viaggio, altre volte mangio. Di solito respiro. Da quando ho percorso il cammino di Santiago per la prima volta, ho deciso che il mondo è più bello se visto a piedi. Se visito una città, raramente prendo un autobus o una metropolitana. La trovo una perdita di tempo che impedisce di godere appieno del viaggio. Sono nato a Napoli e, anche se ormai vivo lontano, continuo ad amarla profondamente. Conosco la Spagna come le mie tasche, ma continuo a trovare sempre una scusa per tornarci e viverla. Ciò nonostante ogni tanto però fingo di interessarmi a qualche altro paese e ne scrivo. Scrivo pure di roba da mangiare e ristoranti, ma è solo una scusa per giustificare la mia pancia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Con i libri in paradiso

I libri servono a capire e a capirsi

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

MioCaroBlog

Positiva, sempre!

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Num3ri v 2.0

I miei numeri - seconda versione

Veronica Iovino

Sogna Viaggia Ama

Roma03

La guida di Roma e provincia per bambini da 0 a 3 anni, neonati e gravidanza: ludoteche, librerie, parchi, corsi, eventi e laboratori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: