Dove mangiare a Napoli

Panamar e i panini di pesce al Vomero

La crasi che dà il nome del locale non poteva essere più  esemplificativa: pan-a-mar, ovvero pane e mare. Il nuovo locale che ha aperto da poco più di un anno al Vomero e ha già “spaccato” propone infatti panini a base di pesce in una atmosfera informale, ma assai garbata e piacevole.

Lo confesso: per me  l’associazione pane e mare evoca soprattutto il panino  con mozzarella e pomodoro da condividere da una barca con i pesci. Da Panamar invece il concept è sicuramente più sofisticato, ma declinato in maniera giovanile con accostamenti anche azzardati che potrebbero sconvolgere le abitudini dei paninari più ortodossi.

panamar_tartarre
Tartarre di gamberi di Panamar :  da rivedere

Sei infatti sono i panini presenti  sul menù – oltre ad un panino del mese che cambia di mese in mese rievocando la  formula ingegnata nel suo locale da  Puok & Med  –  e hanno tutti nomi che, con eccentrica fantasia, associano gli ingredienti  a base di pesce ad alcuni luoghi di Napoli.

E così abbiamo il posillipolp ( da Posillipo), il trentaspade ( da Trentaremi), il baccacciolo ( da via Caracciolo), il mezzosalmone ( da via Mezzocannone), il fuoritonno ( da Fuorigrotta).

Dopodiché in menù  vi sono diverse altre proposte ad colorandum:   tartarre, crudi di mare,  baccalà, calamari fritti,  dolci e una discreta offerta di vini e bollicine sia al calice che in bottiglia.

Per ordinare basta compilare un fogliettino segnando con la penna ciò che è di nostro gusto e poi andare alla cassa per pagare.   Inoltre ogni giorno, dalle 18.00 alle 20:00, si può fare simpaticamente aperitivo con un drink e qualche stuzzichino a scelta della cucina.

panamar_trentaspade
Trentaspade di Panamar

E’ quest’ultima, detto molto sinceramente, la formula che preferisco, perché – pur apprezzando estremamente l’originalità dell’idea che è alla base di Panamar – ho riscontrato  due aspetti da rivedere.

Il primo riguarda  il cibo. Se infatti sui panini si può discutere,  la tartarre di gamberi da me provata si è rivelata essere piuttosto deludente.  Il secondo, invece, riguarda i prezzi: sono cosciente del fatto che il Vomero non sia un quartiere facile e il fitto di un locale sia una nota davvero dolente, ma trovo sinceramente eccessivo uscire da Panamar con una spesa media di 20 euro a testa.

panamar_panino_del_mese
Il panino del mese di Panamar

Ciò detto, non ritengo giusto essere troppo severo. L’azzardo sperimentale per me va sempre premiato e i panini proposti hanno  tutto il fascino che gli dona la stravaganza. L’ambiente poi – come già detto – è estremamente piacevole, moderno e rilassato  anche grazie ai giovani proprietari che ci tengono a migliorarsi.

Per questo ha fatto breccia senza troppa fatica nei  confronti del target cui specifiatamente Panamar si rivolge: giovani che vogliono qualcosa di originale ma che sappia non prendersi troppo sul serio. E in questo, in fin dei conti, Panamar eccelle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...