Piatti tipici della cucina francese

  • Piatti tipici della cucina francese

La cucina francese è indubbiamente famosa per la sua varietà e raffinatezza, a tal punto da essere ritenuta una delle migliori  del mondo. Gli ingredienti più ricorrenti nella cucina francese sono burro, formaggi, pomodori, erbe aromatiche, maiale, salsicce   e, soprattutto, una grande varietà di verdure.

Come è intuibile, siccome la Francia è la patria dei formaggi, la maggior parte dei piatti tradizionali sono proprio a base di formaggio.
Pane, carne di anatra o d’oca e creme o puré sono spesso presenti sulle tavole della maggior parte delle case e dei ristoranti in Francia.

Ciò premesso, di seguito tenterò di sintetizzare quali sono i piatti tipici della cucina francese.

Quenelle

È un piatto francese  dall’aspetto simile alle salsicce o alle polpette. È una pasta di semola di grano che viene mescolata con farina, uova e latte per accompagnarla infine con un po ‘ di pollame, vitello o pesce. È una tipica specialità gastronomica di Lione, dove le cosiddette quenelles de brochet o quenelles de pike sono diventate famose.

Sono modellati in un modo un po ‘ particolare, poiché usano cucchiai da minestra o sono fatti direttamente a mano. Tradizionalmente, vengono cotti “scottandoli” nel brodo o nel pesce, a volte persino nel granchio.

Fatto questo, viene preparata una besciamella a base di besciamella, anche se ce ne sono anche con salsa di pomodoro e accompagnata da riso. Le quenelle vengono quindi cotte insieme a questa salsa, in modo che acquisiscano l’aspetto che può essere visto nell’immagine. Opzionalmente, puoi aggiungere un gratin a base di formaggio o ci sono anche quelli che li friggono in olio d’oliva.

Cassoulet


Chiamato caçolet in occitano, è uno stufato simile ai tipici fagioli spagnoli che è fatto con fagioli bianchi o fagioli accompagnati da carne di diversi animali, come pollo, maiale o manzo. Questo piatto è tipico della Francia meridionale, in particolare delle regioni del Midi-Pirenei e della Linguadoca.

Questo è senza dubbio un piatto molto tradizionale e popolare, quindi, come di solito accade con questo tipo di cibo, la ricetta può variare da una famiglia all’altra. Tuttavia, l’ingrediente fondamentale sono i fagioli bianchi, cucinati insieme a pezzi di carne e salsicce diverse (costolette di maiale, pancetta, cotenna, anatra confit, salsiccia di Tolosa, ecc.).

Preparare questo piatto non è un compito veloce, poiché i fagioli devono essere immersi in precedenza o il giorno prima o, almeno, qualche ora prima. Successivamente, i fagioli vengono fatti cuocere insieme al resto degli ingredienti, tra i quali pomodori, cipolle, aglio, carote e varie erbe provenzali non sono rari. Inoltre, il modo più tradizionale di cucinarlo è in una pentola di terracotta o cassole, da cui il suo nome.

Aligot

Aligot è una specialità gastronomica originale del massiccio dell’Aubrac che si diffuse nelle regioni del Limosino e dell’Alvernia fino a quando non fu finalmente conosciuto come un piatto tipico francese. È una specie di purè di patate molto denso perché mescolato con formaggio crudo, noto come tomme fraîche. Insieme al formaggio, la pasta di patate viene riscaldata a fuoco basso ed è molto importante mescolarla lentamente per ottenere la consistenza che caratterizza questo piatto. Inoltre, in questo modo il formaggio si scioglie in modo uniforme, il che rende elastica la consistenza finale. Infine, di solito vengono aggiunti burro, aglio o persino panna fresca.

Fonduta Di Formaggio


La fonduta di formaggio è un tipo di crema che può essere assunto come accompagnamento ad altri ingredienti o immergendo pezzi di pane. In realtà, è un piatto originario della Svizzera, in particolare dal confine franco-svizzero, attorno al Giura e alle Alpi.

Esistono due formaggi tipici che vengono solitamente utilizzati per preparare la fonduta: da un lato, il formaggio Gruyère e, dall’altro, il formaggio Emmental. Questi vengono applicati in parti uguali, in modo che il sapore risultante sia una miscela di entrambi. Tuttavia, esistono diversi tipi di fonduta di formaggio a seconda della regione in cui viene preparata. Pertanto, altri tipi di formaggio utilizzati sono: vacherin, sbrinz, gruyère de savoie, beaufort e comté.

La ricetta originale è il formaggio, ma nel corso degli anni sono emerse una moltitudine di varianti, tra cui il cioccolato, che viene preso come dessert. Il modo per prenderlo è di affondare una forchetta o un piccolo spiedino nella pentola contenente il formaggio fuso molto caldo.

Tutti i commensali al tavolo vi si immergono, quindi la casseruola è comune a tutti i commensali. Questo piatto è altamente calorico. Se vuoi imparare a cucinare una vera fonduta di formaggio, ti consigliamo di dare un’occhiata al seguente video:

Ratatouille


Realizzato con varie verdure, è un piatto naturale di Nizza e della regione della Provenza nel sud-est della Francia. In realtà è un pasto vegetariano e il nome deriva dal verbo touiller che significa mescolare. L’idea della sua preparazione è quella di friggere ciascuna delle verdure in olio d’oliva, quindi cuocerle tutte insieme. È un piatto molto popolare in tutta l’Europa mediterranea.

Per la preparazione di questo popolare piatto francese, viene preparato uno stufato a base di aglio, peperoni, aglio, zucchine, cipolle e melanzane, da cui si ottengono i vari colori che caratterizzano questo ricco piatto, come si può vedere nell’immagine mostrato sotto. Certo, l’olio d’oliva non può mancare. Infine, una volta che tutte le verdure sono state cotte, vengono aggiunte varie spezie, tra cui timo, alloro, basilico e origano.

Coq au vin


Il coq au vin, letteralmente gallo nel vino, è forse il piatto più famoso della cucina occitana, che è diventato nazionalizzato come piatto tipico in Francia. Nel sud della Francia si usano carne di anatra o d’oca, mentre nell’occitania settentrionale si possono usare altri tipi di carne come la carne bovina.

La leggenda vuole che la ricetta originale di questo squisito piatto sia dovuta allo chef di Giulio Cesare. Secondo la storia, questo chef ha inventato il piatto ndopo la conquista della Gallia. Tuttavia, molte sono le regioni della Francia che contestano l’invenzione di questo piatto, poiché in realtà la sua origine è incerta fino ad oggi.

Come suggerisce il nome, è necessario aggiungere una generosa quantità di vino per la sua preparazione, generalmente vino rosso, anche se in alcune varianti viene utilizzato vino bianco. Inoltre, è essenziale aggiungere alcune verdure come la cipolla o la rapa per esaltarne il sapore. In alcune aree vengono anche aggiunti funghi, di solito spugnole (chiamate anche cagarrias, spugnole o murgole).

Camera Niçoise


Tradotto in spagnolo come insalata di Nizza, è un piatto originario della regione di Nizza, anche se oggi è diventato particolarmente popolare nella regione della Costa Azzurra. Il suo aspetto è sorprendente per i colori brillanti che si ottengono grazie a una varietà di ingredienti: pomodori, uova sode, fagioli, lattuga, patate cotte, cetrioli, cipolle, tonno, olive nere, acciughe … Tutto questo è condito con la salsa popolare Vinaigrette di Digione.

La ricetta tradizionale è quella che è diventata popolare dal 1880 nella regione di Montpellier, secondo la quale questa salata deve essere preparata su un piatto piano, sul quale è collocato un “letto” di varie verdure, tra cui quelli citati sopra. Va detto, tuttavia, che la versione originale di questa insalata non includeva né peperoni rossi né cipolla né patata, ma che invece venivano usati i cuori di carciofo.

Magret de canard


Il termine magret di per sé è equivalente in spagnolo a magro, cioè si riferisce a un filetto di carne magra, che di solito proviene da un’oca o anatra ingrassata, essendo molto importante che l’uccello sia stato precedentemente ingrassato, poiché si trova in esso la differenza tra essere considerato magret o seno tradizionale.

Quindi, se magret significa magro, la canard equivale a anatra, quindi questo piatto è costituito da anatra arrosto magra. Questo piatto è fatto con carne di anatra magra o oca ingrassata, che viene servita come filetti. Di solito servito con salsa all’arancia e contorno può includere couscous, riso o patate arrosto.

Nasello con beurre blanc


Questo piatto è composto da tronchi o filetti di nasello che vengono serviti in una salsa beurre blanc. Questa salsa è tipica della Francia e, in particolare, proviene dalla regione della Bretagna. È fatto con burro (anche se c’è chi preferisce usare la crema di latte Milbona) mescolato con una riduzione di vino bianco e scalogno.

La storia dell’invenzione della salsa beurre blanc è molto curiosa, poiché secondo la leggenda, in realtà è nata a seguito di un errore fatto dal cuoco francese Clémence Lefeuvre, che ha dimenticato di lanciare un uovo durante la preparazione di una salsa Bearnaise (salsa béarnaise in francese).


Quiche lorraine


Questo piatto è attualmente famoso in tutto il mondo. È fondamentalmente una crostata salata con una base di pasta frolla o pasta frolla e riempita con una miscela a base di panna e uova.

La ricetta originale della regione Lorena, infatti, non includeva più ingredienti, ma nel tempo ne è stata incorporata un’altra base: il formaggio. Anche la pancetta o il prosciutto di York e altre verdure si trovano nelle diverse varianti di questa ricetta.

Vichyssoise


È una crema fredda simile a una zuppa, anche se a volte può essere più simile a una purea, a seconda di quanto sia liquida. Ricorda anche per la sua trama il famoso gazpacho andaluso. In ogni caso, i suoi ingredienti sono: porro, patata, cipolla, panna e latte. Tutto questo viene schiacciato e tradizionalmente servito in una ciotola o in una piastra profonda.

L’origine di questa crema è alquanto incerta, poiché c’è chi ritiene che sia in realtà un piatto di origine americana. La versione più diffusa racconta che la ricetta originale è stata fatta dallo chef francese Louis Diat durante il periodo in cui ha lavorato per il Ritz-Carlton a New York. Lo chef ha scelto la città di Vichy per dare il nome alla sua scoperta, poiché si trova vicino a Montmarault, la sua città natale.

Galette


In realtà, le galette sono una variante salata di crêpes della regione della Bretagna che si differenzia da queste perché sono fatte di pasta di grano saraceno e acqua. Sono pieni di tutti i tipi di ingredienti, tra cui carne, pesce, funghi, verdure, ecc.

Tuttavia, il termine galette viene spesso utilizzato nella cucina francese per indicare un gran numero di piatti che si caratterizzano per la loro forma circolare e il palato croccante. C’è una variante, ad esempio, chiamata galette des Rois (letteralmente, galette dei re), un piatto molto tipico durante il 6 gennaio o il giorno dei tre re.

Foie gras


Letteralmente, il foie gras in francese significa fegato grasso ed è stato adattato in spagnolo come fuagrás. In realtà, questo piatto è simile al patè così popolare in Spagna, anche se non è un patè in quanto tale. In Francia, viene prodotto con fegato d’oca o di anatra, precedentemente ingrassato con mais.

La produzione di foie gras è stata vietata in diversi paesi come Germania, Argentina, India, Italia o Gran Bretagna a causa di leggi che vietano l’alimentazione forzata. Oltre alla Francia, i seguenti paesi sono anche produttori di foie gras: Ungheria, Bulgaria, Spagna, Stati Uniti, Cina, Belgio e Canada.

Confit d’anatra


Confit de pato è la traduzione spagnola di confit de canard. È un piatto composto da coscia di anatra arrosto ed è la specialità della regione della Guascogna nella Francia sudoccidentale.

La tecnica di preparazione del confit d’anatra è una delle più antiche che esista e consiste nel salare il pezzo di carne e infilarlo nel suo stesso grasso. L’intero processo dura quasi 3 giorni, poiché il confit deve essere spalmato di sale e aglio per 36 ore. Viene servito con patate arrosto come contorno.

Toast alla francese o tartine


La tartina in spagnolo suona come una crostata o una piccola crostata, ma questo non è ciò a cui questo nome si riferisce, tuttavia, poiché la base della tartina è il pane, di solito una fetta di pane. A questo si aggiungono altri ingredienti facilmente spalmabili, come burro e marmellata, il più tipico nella versione dolce della tartina.

Tuttavia, la versione salata delle tartine è molto simile ai tipici pinchos tra le tapas spagnole. Gli ingredienti come il formaggio, il patè o il foie gras sono i più comuni. Il risultato è molto simile a quello della bruschetta, uno dei piatti più tipici in Italia. La fetta di pane può essere servita tostata o naturale. Ad esempio, il famoso pa amb tomaca della Catalogna sarebbe un piatto molto simile alla tartina.

Inoltre, vale la pena ricordare che quando si prepara una tartina, la consistenza del pane che useremo deve essere presa in considerazione, soprattutto se useremo vari ingredienti, poiché maggiore è la quantità, più peseranno, e quindi più coerenti dovrebbero essere il pane per poter sostenere tutti questi ingredienti senza spezzarsi.

Bouillabaisse


Bullabesa è il nome adattato di questo piatto originale proveniente dalla Provenza, in particolare dalla città di Marsiglia, sebbene il suo nome originale in francese sia bouillabaisse o bolhabaissa in occitano provenzale. È, infatti, un semplice piatto composto da una zuppa di pesce fatta bollendo vari pesci interi.

Il bouillabaisse ha un piatto molto simile nella gastronomia portoghese: la caldairada de peixe, che a sua volta è anche molto popolare in Galizia (Spagna). Comunque sia, la leggenda sull’origine di questa zuppa dice che ha iniziato a essere preparato dalle mani dei pescatori, che hanno fatto questo stufato per usare tutti i pesci rimasti sul fondo dei loro cestini.

Tuttavia, alcuni autori stimano che l’origine sia dovuta al famoso suquet de peix catalano, la cui fama si diffuse a nord nei Pirenei già nel XIX secolo.

Tartiflette


La tartiflette è un piatto che viene preparato nel forno dalla cucina di Savoia e Alta Savoia, anche se storicamente è nato nella zona che spazia dal massiccio degli Aravis alla Val d’Arly, dove a sua volta nuota il formaggio reblochon , uno degli ingredienti principali di questo piatto. Oggi, questo piatto è così famoso che i Savoia sono davvero orgogliosi del loro piatto stellato.

Oltre al formaggio reblochon, la tartiflette contiene patate cotte, pancetta, cipolle, pepe, panna fresca (chiamata crème fraîche in francese), un tocco di pepe e un po ‘di vino bianco per sapore. Tutto questo viene cotto nel forno, in modo che il formaggio, essendo nello strato superiore, sia gratinato.

Raclette


Il nome raclette in quanto tale si riferisce alla varietà di formaggio di origine svizzera con lo stesso nome, in particolare originale del Canton Vallese. È un formaggio a base di latte crudo di vacca che, senza sciogliersi, viene solitamente presentato sotto forma di una ruota. Ogni ruota di solito pesa in media 6 kg. Nelle regioni francesi dell’Alvernia, della Bretagna, della Savoia e della Franca Contea, si registra la maggiore produzione di questo tipo di formaggio.
Tuttavia, il nome raclette viene applicato oggi alla griglia elettrica dove questo formaggio viene cucinato oggi insieme ad altri ingredienti come patate cotte, sottaceti e salsicce. Il più comune è cucinare questo piatto durante i pasti di gruppo o le celebrazioni con la famiglia o gli amici, in modo che i commensali si siedano intorno alla griglia al tavolo e cucinino e mettano ciò che vogliono nei loro piatti.

Inoltre, la griglia ha una sorta di vassoio specifico in cui viene inserito il formaggio raclette. In questo modo, poiché il vassoio ha la forma di un ghiacciolo, il che rende molto più comodo versare il formaggio fuso sul resto del cibo sul piatto (ad esempio patate e salsicce di solito ne sono coperte). In Svizzera, inoltre, è molto tipico avere una bevanda calda o un vino bianco leggero (ad esempio il vino Chasselas) da accompagnare.

flammkuchen


Flammkuchen, chiamato anche Flammenkuchen, entrambi nomi di origine alsaziana, è un piatto tipico dell’Alsazia, del Palatinato e del Baden (Germania). In francese, di solito si chiama Tarte flambée. In realtà, grazie al suo aspetto e alla sua forma di preparazione, il Flammkuchen è un alimento molto simile alla pizza italiana, anche se con lievi variazioni.

Pertanto, la base è fatta con un impasto di pane sottile, fatto di farina e acqua, che ha una forma circolare (da cui la sua somiglianza con la pizza). Su questa base, vengono posizionati altri elementi che sono stati variati nel tempo, ma che tradizionalmente erano due: cipolla cruda, pancetta (pancetta) e panna liquida per cucinare. Tutto questo viene applicato all’impasto crudo e tutto viene cotto insieme per circa 15 minuti.

La forma di presentazione sul tavolo è ancora una volta molto simile a quella della pizza, poiché viene servita su una tavola di legno, tagliata in porzioni e i pezzi vengono raccolti a mano. Secondo la tradizione, questo piatto era già popolare nel 1900.

baeckeoffe


Il Baeckeoffe (letteralmente, forno da forno), di origine alsaziana e strettamente legato alla tradizione gastronomica di Strasburgo, è un tipo di stufato la cui preparazione richiede una cottura molto lenta, almeno 24 ore, quindi è richiesto un minimo due giorni per prepararlo.

Gli ingredienti che compongono questo piatto sono tre tipi di carni marinate (agnello, maiale e manzo), patate bollite con un tocco di vino Riesling, aglio, cipolle ed erbe provenzali. Tutto questo viene cotto, come abbiamo già detto, a fuoco basso in una terrina alsaziana, una specie di padella in cui questo piatto viene cucinato tradizionalmente.

tapenade


Sebbene il suo aspetto sia insolito, la tapenade è un piatto molto tipico in Provenza che ha il vantaggio che la sua preparazione è molto semplice.

È costituito da capperi o olive nere, olio d’oliva e acciughe tritate, da cui il suo aspetto. Questi sono gli ingredienti di base, ma puoi aggiungerne altri come tonno, olive verdi, aglio, spezie assortite, succo di limone o persino un tocco di brandy. Di solito è preso come antipasto, spalmato su toast o come condimento per bistecche di carne o verdure.

choucroute


Adattato in spagnolo come crauti (crauti in francese), sebbene il termine originale sia in realtà crauti in tedesco, questo piatto viene utilizzato come condimento per una vasta gamma di piatti sia in Alsazia (Francia) che in Germania, Polonia e Russia. È costituito da foglie di cavolo (cavolo) fermentate in acqua e sale. Inoltre, quando lo si serve sul piatto, viene solitamente condito con pepe, aneto e altre spezie. Di solito accompagna i salumi o il maiale.

Mentre i crauti accompagnano una vasta gamma di piatti come costolette di maiale, stinco di maiale, salsicce o Bratwurst o Klunz o purè di patate, all’interno della gastronomia tedesca, in Francia si vede di solito nella maggior parte dei piatti Sono consumati ogni giorno in Alsazia, anche se soprattutto quando si mangiano salsicce. Tradizionalmente, la versione francese è caratterizzata da non cuocere troppo ed essere abbastanza leggera nei toni.

Bourgignon di Bœuf


Il bourguignon bueuf o bue di Borgogna è un altro dei piatti più tradizionali in Francia, originario della regione della Borgogna, da cui il suo nome. È uno stufato di bue in cui la carne viene cotta con vino rosso bordeaux a fuoco basso. Inoltre, vengono aggiunti altri ingredienti, come carote, cipolle, aglio e un condimento ampiamente usato in Francia chiamato bouquet garni.

Quando tutti gli ingredienti sopra menzionati sono stati cotti, il liquido risultante viene solitamente addensato un po ‘con un roux, cioè una salsa a base di burro e farina. Grazie a ciò, si ottiene la consistenza che caratterizza questa salsa.

Blanquette di vitello


La blanquette de vitello o blanquette de veau è un piatto di origine francese a base di vitello brasato, salsa al burro e carote. In realtà è simile al baeckeoffe sia negli ingredienti che nel processo di fabbricazione. Tuttavia, la caratteristica principale di questo piatto è che viene utilizzata la salsa blanquette, cioè la salsa blanquette, che deriva dal brodo risultante dopo il processo di cottura della carne e del resto degli ingredienti.

Pertanto, la blanque de vitello (nome dato in spagnolo) è uno stufato di manzo, anche se ci sono anche versioni in cui vengono utilizzati coniglio o pollo e ci sono persino salatini, rana pescatrice o blanquette all’orata. L’elemento distintivo di questo stufato è il suo “sfondo” bianco, poiché quando l’acqua e le verdure vengono utilizzate per cucinare la carne, il brodo risultante ha un colore biancastro o semitrasparente. E da lui si ottiene la famosa “salsa blanquette”.

andouillette


Andouillette è il nome francese di un tipo di salsiccia tradizionale nella cucina francese, anche se in particolare nelle città di Troyes, Lione, Cambrai e Rouen, nonché nelle regioni del Périgord e della Provenza, tra le altre aree. Questo tipo di salsiccia è prodotto dall’intestino e dallo stomaco di un maiale. Prima del 2000, erano anche preparati con carne di vitello, ma ha cessato di essere utilizzato dopo l’uso di budelli di vitello da quest’anno.

Ciò che colpisce di più dell’Andouillette è il suo aroma intenso, frutto della miscela di condimenti e spezie che trasporta, oltre al vino. In sintesi, è un alimento molto calorico, poiché ha un alto contenuto di grassi. È comune trovarli in mercati già cotti, pronti da mangiare per strada. Anche se il più comune è cuocerli alla griglia, può essere fatto anche in forno o in padella, in quest’ultimo caso con un tocco di vino bianco. Inoltre, sono generalmente serviti accompagnati da senape francese.

Da parte sua, l’Andouillette di Troyes è quella che ha guadagnato la maggior fama a livello generale e la più richiesta dai turisti che viaggiano in Francia in generale e Troyes in particolare. In realtà, si dice di questa città che è quella “genuina”. La caratteristica principale di queste salsicce è che la carne non viene farcita come al solito, ma viene introdotta nell’involucro così com’è.

Una volta ripiene, le andouillette, ancora crude, vengono cotte in un brodo che ogni cuoco prepara a modo suo, ma che si potrebbe dire essere simile al sottaceto. Infine, vengono consumati freddi come aperitivo.

crudités


Crudités, che tradotto letteralmente in italiano non significa altro che crudi, è un antipasto o un primo piatto composto da varie verdure crude.

È come un’insalata in cui le verdure vengono servite crude. Le verdure più comuni in un piatto crudo sono le seguenti: carote, gambi di sedano, cetrioli, pomodori, funghi, vari tipi di lattuga, barbabietole e asparagi, tra gli altri.

Secondo tradizione vanno serviti su un piatto piano e conditi con salsa di vinaigrette. Inoltre, ci sono quelli che li accompagnano con altri cibi come uova sode, maionese, taquitos al formaggio o tonno in scatola.
Dessert dalla Francia: ricette tradizionali
Senza dubbio, il primo dolce che arriva alla maggior parte di noi quando parliamo dei dolci tipici della Francia sono le famose crepes, che oggi sono diventate popolari in tutto il mondo. Tuttavia, la gastronomia francese ha un gran numero di dessert altrettanto squisiti che presentiamo nelle seguenti sezioni.

crêpes


È probabilmente uno dei dessert più internazionali della gastronomia francese e proviene dalla Bretagna. È un impasto a base di farina di grano bianco, a forma di disco (diametro di circa 16 mm). Sebbene vengano solitamente consumati come dessert spalmati con fonduta di cioccolato, panna o un altro tipo di dolce, possono anche essere assunti con ingredienti salati.

Il pancake stesso è in realtà molto simile ai pancake, specialmente mangiato nella cucina canadese. La differenza è che lo spessore di una crepe è molto inferiore a quello che viene solitamente dato ai pancake.

Per ottenere buoni risultati durante la cottura delle crepes, è essenziale disporre degli utensili giusti. Pertanto, è essenziale utilizzare una padella il più piatta possibile, poiché dobbiamo lavorare con una spatola. Ci sono padelle per la preparazione di pancake chiamati produttori di crepe, ideali per ottenere risultati eccellenti. Se vuoi imparare a preparare autentiche crepes francesi, ti consigliamo di dare un’occhiata al seguente video:

macarons


I maccheroni in francese e i maccheroni in spagnolo sono un tipo di biscotto di origine francese che ha guadagnato fama mondiale. È preparato a base di albume d’uovo, mandorle tritate, zucchero e zucchero a velo. Tuttavia, in realtà è un dessert di origine italiana (maccarone in italiano) che è stato già consumato in questo paese durante il XVI secolo.
In origine, i maccheroni non erano pieni, ma consistevano solo di due cupole rotonde a base piatta. Tuttavia, questo è cambiato molto nel tempo, poiché attualmente non solo hanno sempre riempimento (chiamato ganache), ma può essere trovato in una moltitudine di sapori.

Pertanto, i macaron di oggi sono considerati più una torta che un semplice biscotto. È importante non confonderli con un altro dolce chiamato amaretto, fatto con pasta di mandorle.

La gastronomia svizzera ha un dessert molto simile a quello che chiamano Luxemburgerli. Quasi identico nell’aspetto al maccherone, la differenza tra loro è che il luxemburgerli è di dimensioni più piccole (circa 2,5 cm di diametro) e più spugnoso al tatto.

Cucinare i macaron può essere facile, ma è molto importante utilizzare la quantità esatta di ciascun ingrediente e rispettare i tempi di cottura di ciascuno se vogliamo che i nostri macaron acquisiscano la viscosità che caratterizza la loro consistenza.


Breton Farz


Conosciuta anche semplicemente, questa torta è una specialità gastronomica della Bretagna. La sua consistenza è simile a quella del budino o di un flan consistente. L’impasto è composto da farina di grano, burro, latte, uova e zucchero, anche se puoi anche aggiungere un tocco di vaniglia o rum. All’interno, aggiungi prugne intere o pezzi di pera.


Tarte tatin


È fondamentalmente una torta di mele che si differenzia dalla solita perché in questa torta i pezzi di mela sono stati caramellati con zucchero e burro. La caratteristica più caratteristica di questa crostata è che il processo è fatto al contrario, cioè le mele vengono posizionate alla base e quindi viene aggiunto l’impasto. Si gira quando viene posizionato sul piatto da servire.

canelés


Questi piccoli ma deliziosi cupcakes sono originali di Bordeaux, nel sud-ovest della Francia, nella regione dell’Aquitania. L’aspetto cilindrico caratteristico con le pieghe di ciascuno di questi biscotti è il motivo per cui sono chiamati canelé, poiché in lingua guascone, canelat significa grondaia (tipo di tubo).

La sua ricetta include i seguenti ingredienti di base: uova, latte, zucchero, burro, farina, rum e vaniglia. Per ottenere la forma che li caratterizza, vengono utilizzati speciali stampi in rame per questo scopo. Sebbene gli stampi tradizionali siano realizzati in rame, esistono anche stampi in alluminio o addirittura in silicone.

In cima a ogni torta viene aggiunto uno strato di caramello, motivo per cui vengono cotti in due fasi diverse, a temperature diverse: in questo modo, mentre l’interno è soffice, lo strato esterno è croccante e scuro.

Torta Tropézienne


La crostata alla tropézienne è uno dei dessert più tradizionali in Francia, poiché si stima che già negli anni ’50 fosse già consumato nella Provenza francese. Secondo la leggenda, la ricetta è dovuta al pasticciere polacco Alexandre Miccka, che per primo l’ha preparata nella sua pasticceria Saint-Tropez. In realtà è una versione di un tipico dessert gastronomico polacco.

Pertanto, la tropézienne è un tipo di brioche ripiena di crema pasticcera. D’altra parte, l’impasto viene preparato man mano che vengono preparate le basi per torte, cioè con lievito, farina, latte, uova, burro morbido e zucchero.

clafoutis


Il dessert chiamato clafoutis consiste in una crostata di origine francese a base di ciliegie intere, da cui il suo aspetto. È un piatto originale del Limousin e in occitano si chiama clafotís, derivato dal verbo clafir, che significa riempire.

Consiste nel collocare una buona quantità di ciliegie in uno stampo solitamente tondo e quindi immergerle in una massa liquida simile a quella delle crepes, anche se viene versata più abbondantemente in modo che l’impasto acquisisca l’altezza necessaria per coprire tutte le ciliegie.

Questo impasto è realizzato con gli ingredienti di seguito indicati: burro, zucchero, latte e farina. Durante il processo di cottura, tutti si accartocciano e la torta acquisisce l’aspetto uniforme che può essere visto nell’immagine. Esistono versioni in Alvernia in cui mele o pere vengono utilizzate in sostituzione delle ciliegie.

finanzieri


I finanzieri sono biscotti molto tipici in Francia che di solito vengono usati per accompagnare il tè. Il nome, a quanto sembra, significa finanziario ed è dovuto alle sue origini.

Si stima che iniziarono ad essere consumati nel 1890 a Parigi, nella pasticceria chiamata La Lasne, situata vicino alla Borsa della città. Quindi, coloro che sono venuti in questa pasticceria erano principalmente uomini in giacca e cravatta che lavoravano nel mondo della finanza che hanno scelto questa torta per le sue dimensioni e il comfort con cui può essere mangiata, senza rischio di macchie.

Anche se oggi ci sono molte varianti, la ricetta più vicina è quella che include i seguenti ingredienti: burro, farina lievitata, polvere di mandorle, albumi, mandorle intere, un pizzico di sale e zucchero a velo.

Pain d’pices


Pain d’pices, a volte tradotto come pan di zenzero sebbene la sua traduzione letterale sia pane speziato, è un tipo di pane dolce tipico della Francia. È principalmente caratterizzato dal contenere una grande quantità di miele e spezie, tra cui anice e zenzero, quindi è anche chiamato “pan di zenzero”. Quello più famoso oggi proviene da Digione e dalla città di Gertwiller (Alsazia), dove ha persino un museo chiamato Musée du Pain d’Epices et de l’Art Populaire Alsacien.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.