Il portico della Gloria a pagamento. Scandalo a Santiago

pingpong.jpgArrivare davanti alla Cattedrale di Santiago di Compostela non è più come alcuni anni fa. Oggigiorno chi accede in piazza  Obradoiro si trova infatti davanti allo spettacolo indecoroso di trenini turistici, taxi e venditori delle più svariate cianfrusaglie turistiche che di fatto fanno venire meno quell’atmosfera mistica – e quindi emozionante – che per secoli ha connotato la visione della piazza.

D’altra parte è pur vero che – in occasione degli interminabili lavori di restauro che stanno interessando la Cattedrale – il clero di  Santiago si è reso responsabile di una delle più grandi schifezze che si possano fare:  mettere a pagamento la visita al portico della gloria e inibire l’accesso in Cattedrale dall’ingresso principale. 

E’ un qualcosa che da pellegrino e da devoto di San Giacomo ritengo davvero inaccettabile!
Ricordo ancora infatti l’emozione  che provai nell’arrivare  all’alba per la prima volta davanti alla Cattedrale. Mi stravaccai  a terra con gli occhi pieni di quell’entusiasmo che solo chi le ha passate tutte può avere e poi entrai in Cattedrale per l’entrata principale attraverso il portico della Gloria. 

Oggi, invece, tutto ciò non è possibile: a) si accede da piazza de Quintana; b) il portico della Gloria è divenuto a pagamento con accesso limitato e filtrato.

Lo trovo davvero penoso, anche perché le file interminabili cui bisogna sottoporsi per andare alla tomba dell’Apostolo e per dare l’abrazo al Santo già fanno venire meno “la voglia” di sostare ulteriormente.

Il biglietto a 12 euro ( 8 per i “pellegrini accreditati”) per vedere il lavoro  realizzato in 20 anni dal maestro Matteo è invece una manifestazione di pura venalità che va biasimata  in ogni modo. La Cattedrale di Santiago infatti appartiene a TUTTI, specialmente ai pellegrini, e trattare quest’ultimi come vacche da mungere è davvero indegno per la Chiesa.

VI INVITO PER QUESTO A FIRMARE LA PETIZIONE  RIVOLTA AL VESCOVO DI SANTIAGO  ‎Julián Barrio Barrio  affinché revochi questa misura del tutto ingiustificata.

FORZA! E’ QUI!

 

 

Annunci

4 commenti

  1. Davvero incredibile.
    Io rimasi di stucco a Dublino, quando visitando San Patrizio vi trovai *all’interno!!!!!* i chioschetti per la vendita di cianfrusaglie.
    Ripeto: all’interno della Basilica.
    Davvero indecoroso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.