Inghilterra

Isola di Wight – Itinerario e consigli pratici

DSC01282
Anche Nessie, il mostro di Lochness, va in vacanza all’isola di Wight per assistere al festival rock. Quest’ultimo è l’evento imperdibile che caratterizza l’inizio dell’estate sull’isola.

Se non fosse per i Dik Dik e la loro celebre canzone, dell”isola di Wight in Italia si saprebbe ben poco. Eppure fu qui che Guglielmo Marconi costruì nel 1897 la prima stazione radio.

Nondimeno questa splendida isola che si trova  nel canale della Manica a ridosso delle coste inglesi ha tutto per lasciare tracce indelebili nella mente di un viaggiatore: tradizioni, arte, panorami   mozzafiato e – con tutte le limitazioni del clima inglese – anche il bel tempo. Per questo è una delle stazioni balneari più rinomate del turismo inglese e a inizio del secolo scorso è stata una delle mete predilette dei reali, della aristocrazia inglese e di  Winston Churchill.  Ben prima però Charles Dickens scrisse qui una cospicua parte del celebre David Copperfield.

DSC01440
I colori dell’isola di Wight in una immagine
  • Come arrivare all’Isola  di Wight

Per arrivare all’isola di Wight basta prendere un comodissimo traghetto dalle città portuali di Portsmouth,  Bournemouth o – ancora meglio – Southampton. Queste tre città non offrono grandissime attrazioni, se si esclude il museo del Titanic che ripercorre la storia del celebre transatlantico, ma si trovano in posizione strategica per arrivare in solo mezzora ( o anche in un’ora)  sull’isola facendo una piacevolissima traversata. Chi parte da Portsmought di fatto attraccherà a Ryde, nell’area più orientale dell’isola, mentre chi parte da Southampton arriverà a Cowes, che è nel centro.  Entrambe le soluzioni sono valide. Io, nel descrivere il mio viaggio, partirò però da Cowes.

  • Come organizzare il viaggio all’isola di Wight

Una cosa cosa che ammiro degli inglesi è la loro capacità di valorizzare tutto ciò che hanno. Ne costituisce un esempio www.visitisleofwight.co.uk , un sito che offre numerosissimi spunti e permette di organizzare la nostra visita a seconda delle piu’ svariate esigenze

  • Quanti giorni sull’isola di Wight?

La risposta dipende dalle nostre esigenze: se il nostro obiettivo è solo  quello di visitare l’isola, 3-4 giorni sono più che sufficienti. Altrimenti, se vogliamo trascorrervi una vacanza, non mancheranno le attività da fare.

DSC01452
Trekking sull’isola di Wight. Si cammina sull’erba ammirando paesaggi di una bellezza stupefacente. Si tratta di percorsi abbastanza facili adatti a tuti  o quasi.
  • Cosa fare sull’isola di Wight?

Attività qui molto praticate sono  il deltaplano e il parapendio. E’ possibile tuttavia dedicarsi anche al ciclismo, al trekking, alla equitazione, alla barca a vela, alla canoa, alla pesca e al golf. A giugno vi è un famoso festival rock e le principali cittadine sono attrezzate con dei parchi giochi. I pubs poi la sera organizzano forme di intrattenimento con musica e balli folcloristici

DSC01429
Anche la barca a vela è una attività molto praticata.
  • Quando andare sull’isola  di Wight?

I periodi migliori sono in primavera e d’estate. Brutalmente: da marzo a inizio ottobre

  • L’Isola di Wight, non White.

A proposito, giusto per  scrupolo: si chiama isola di Wight, non di White.

DSC01357
Edilizia tipica dell’isola di Wight
  • Come muoversi sull’isola di Wight?

Il trasporto pubblico funziona bene. Esistono autobus che collegano praticamente tutti i centri urbani. Per non perdersi però degli scorci panoramici in cui la strada non c’è, è indispensabile fare dei percorsi a piedi o in bicicletta ( poca roba: 22/25 km lungo una passeggiata di rara bellezza).

  • Dove dormire sull’isola di Wight?

Per calarsi appieno nella cultura dell’isola il bed and breakfast è da prediligersi rispetto agli hotel perché dà veramente l’opportunità di sentirsi ospiti in una casa inglese e fare una esperienza molto  bella.  Chi ha un B and B di solito ama ospitare persone e lo fa con un senso dell’accoglienza davvero apprezzabile. Inoltre spesso questi appartamenti/cotteges/ville si trovano  in luoghi strategici  e danno la possibilità di fruire della vera colazione inglese ( uova, pancetta, bacon, salsiccia, succhi di frutta, etc) che, per quanto mi riguarda, è il pasto più apprezzato in Inghilterra.

DSC01434
Isola di Wight – Si cammina sull’erba!
  • Quanto costa una vacanza sull’isola di Wight?

Qui viene il bello: l’isola di Wight per gli standards inglesi non è affatto cara. Un pub o un b&b costa esattamente quanto un pub o un b&b dell’Inghilterra continentale.

 

ITINERARIO NELL’ISOLA DI WIGHT

DSC01467
Il piccolo villaggio di Brighstone

L’isola è fantastica sia per le sue  bellezze naturali che per alcuni monumenti straordinari. Tra quest’ultimi spicca naturalmente la Osborne House, ma anche il castello di Carisbrooke merita di essere visitato. I paesini poi sono tutti diversi e uno più caratteristico dell’altro. C’è quindi davvero tanto da vedere, soprattutto per  gli appassionati di natura. Vi sono infatti  tantissime zone rurali incontaminate dove si alternano enormi pianure a fitte foreste.  Uno dei punti più affascinanti  sono i faraglioni di roccia calcarea – noti come Needkes stack – che si trovano alla fine del lungo costone in pietra.  Vi sono poi Sandown e Compton Bay,  bellissime spiagge caratterizzate da sabbia di diversa tonalità ( dal verde al rosso). Infatti, non a caso, sull’isola imbottigliano la sabbia sfruttando l’effetto cromatico che regala.

DSC01463
Le splendide spiagge sull’oceano dell’isola di Wight
  • Cosa vedere dunque sull’isola di Wight?

Giorno 1  – Arrivo a Cowes e  pernottamento a Newport – Cosa vedere

Veniamo a noi e, cartina alla mano, disegnano un itinerario che permetta di visitare buona parte delle attrazioni che questa splendida isola offre.  Il traghetto, infatti, attracca a Cowes, un porticciolo che dà subito contezza della fisionomia dell’isola, un’isola completamente ricoperta di verde sul costone che guarda alla costa e sembra essere un angolo di Cornovaglia.  Cowes si distingue in West e East Cowes. A west cowes i traghetti arrivano, da est partono. Da questo paesino, che indubbiamente merita una visita,  è possibile prendere un autobus per Newport che, con i suoi 23mila abitanti, risulta essere il capoluogo dell’isola.

DSC01287
Newport con il suo fiordo e le barche a secco.

Newport si trova a 7 km da Cowes ed è all’estremità di un fiordo che, a seconda della maree, si allaga o si prosciuga. Per questo è possibile vedere delle barche adagiate sulla fanghiglia in attesa che la marea ritorni.  Proprio la zona del porto di Newport è però quella più vivace.

  • Dove mangiare a Newport

Qui sorgono due grandi pubs, costruiti su delle palafitte, che organizzano spesso spettacoli danzanti. E’ molto divertente anche parteciparvi. Io sono stato al  The Bargeman’s Rest e mi sono scialato a unirmi alle danze delle Wight bells, un gruppo folcloristico molto particolare. Newport, per il resto, è costituita da due strade tra loro perpendicolari inn cui, pur volendo, è davvero difficile riuscire a perdersi. Da visitare c’è una curiosa Chiesa gotica e il tipico cimitero inglese sul prato e la zona adiacente al porto canale che io trovo sempre molto suggestivo.

Giorno 2 – Carisbrooke, l’Osborne house e pernottamento a Totland.

DSC01311
Le mura del castello di Carisbrooke

Dopo uno splendido e doveroso English breakfast  ( meglio fare una bella colazione che pranzare con i fish and chips…),  possiamo raggiungere a piedi il castello di Carisbrooke, reso celebre dalla circostanza che  qui  è stato esiliato Carlo I stuart quando ci fu il colpo di stato di Cromwell.   Per la verità sia gli alloggi che la cappella fatta erigere dalla regina Vittoria sono deludenti. La visita al castello è  però comunque gradevole per il muro di cinta e il panorama sottostante. Vi è poi anche un piccolo spettacolo con  gli asinelli adatto soprattutto ai bambini.

Torniamo poi in prossimità di Cowes e della costa per ammirare ciò che non ci si aspetta di incontrare su un’isola selvaggia e campagnola quale è quella di Wight:  l’Osborne House. Per me è una delle più belle regge d’Inghilterra in assoluto, sicuramente più di Hamton Court e  almeno a pari merito col Royal Pavillion di Brighton. A proposito del Royal Pavillion: fu proprio la vendita di quest’ultima a finanziare la costruzione dell’Osborne house.

DSC01333
L’Osborne house – Facciata principale

Della bellezza dell’Osborne house è poi possibile rendersi conto immediatamente, non appena si potrà ammirare  – già all’esterno – la ricchezza dei suoi giardini che, attraverso una passeggiata di 2 km, collegano direttamente la scenografica reggia alla spiaggia.  Non sono, tuttavia, da meno gli appartamenti privati dei reali che, come è nella tradizione dei reali di fine ‘800/inizio ‘900, evidenziano uno stile esotico che va dal pompeiano al rinascimentale e dall’arabo all’indiano. La reggia, infatti, è stata allestita quando era stata da poco scoperta l’antica Pompei ( ad opera dei Borbone eh!), l’India era una colonia e le rotte commerciali inglesi puntavano molto sul mondo arabo. Si comprende per questo perfettamente perché ci sia questo mix di stili – per l’epoca molto alla moda – che rendono la reggia davvero unica. Ogni stanza è infatti  completamente diversa dalle altre sia nello stile che nella funzione.

DSC01338
Una parte dei giardini dell’Osborne house che conducono direttamente alla spiaggia

Ciò detto, mi sia consentito un vezzo: la reggia  fu voluta qui  dalla regina Vittoria e dal principe Alberto perché a quest’ultimo la costa adiacente – il Solent – ricordava il Golfo di Napoli.  Al riguardo sono sicuro che il re di Napoli – che poteva godere della vista originale – era molto invidiato dal collega inglese ed è forse anche per questo motivo ( per invidia)  che  – 15 anni dopo – gli inglesi invasero e distrussero il più bel regno che ci sia mai stato.

Tornando al viaggio, a questo punto iniziamo il nostro giro ad anello; dirigendosi all’estremo ovest dell’isola. Nel mio caso a Totland, nient’altro che una minuscola frazione.  Per raggiungerla bastano circa 40 minuti di autobus. Del resto trattasi di circa 30/34 km. Se si vuole rimanere più in paese, si può alloggiare a  Yarmouth, una cittadina non particolarmente bella ma in cui c’è un pub – il King’s Head – in cui ho mangiato bene

DSC01376
Le Needles con il suo promontorio.

Giorno 3 – Le Needles e la zona orientale con pernottamento a Ryde

In un climax di emozioni la giornata di oggi regalerà il meglio dell’isola. Il  costone occidentale è infatti quello più selvaggio, meno abitato, ma più rigoglioso. Essendo l’area tagliata dal vento, nei secoli gli agenti atmosferici hanno scavato rocce bianche a picco sul mare lungo passeggiate nel verde. Il verde dei prati, il bianco delle rocce, l’azzurro del mare e la variopinta sabbia delle spiagge ( verde, giallo e rossa) regalano infatti un caleidoscopio di colori che non annoia mai.

DSC01390
La seggiovia che conduce alla spiaggia – Isola di Wight

Per circa 22 km è possibile infatti percorrere agevolmente un sentiero che da solo vale il viaggio.  Volendo si può fruire anche di una   funivia che oltrepassa il costone e  accompagna i turisti praticamente sulla spiaggia, ma è meglio fare questo percorso a piedi mettendo all’arrivo, se possibile, i piedi nell’acqua gelida.

Il trekking in questione più che dal sentiero è caratterizzato da una immensa distesa di erba che, una volta arrivati sul promontorio più occidentale, regala la possibilità di vedere il mare su tre lati.

DSC01462
Profilo dell’area orientale dell’isola di Wight

Dopodiché si noterà come la roccia cambi velocemente colore assumendo a volte tonalità quasi lunari tra il rosso e il giallo.

E’ tuttavia il bianco ad essere il colore prevalente, anche per quanto riguarda le needles , le rocce a picco sul mare, accompagnate un faro solitario ( nota: questo panorama lo fanno pagare  4 sterline e 30. Recte: fanno pagare il panorama!).

DSC01392
I colori della roccia. L’isola di Wight è un paradiso per gli appassionati di geologia.

Una volta abbandonate le needles, il giro prosegue verso un altopiano di 5 km alla  cui sommità c’è una croce celtica con una dedica a Tennyson.  E’ qui  che d’estate praticano il deltaplano e si tiene il festival rock. Si scende quindi dolcemente fino ad una piccola caletta. Una volta poi giunti a  Brighstone  si può prendere un autobus costiero che  permette di attraversare anche il lato meridionale dell’Isola, in particolare i paesini  Ventor, Shanklin e Sandown.

Trattasi dell’area più esclusiva dell’isola e lo si capisce già solo osservando la quantità di ville sfarzose in cui è possibile imbattersi. Dall’angolo più occidentale dell’isola siamo infatti passati quasi a quello più orientare.

DSC01414
Ancora le Needles da altra prospettiva

Giorno 4  La Sandown bay e Shanklin

Ryde  è molto bella ed è indubbiamente caratterizzata dalla presenza del secondo pier ( il molo) più lungo  d’Inghilterra, pier talmente lungo da essere percorso da un trenino e da consentire  di vedere Portsmought in lontananza. Ryde è un po’ diversa rispetto agli altri paesini dell’isola, sembra quasi parte dell’Inghilterra continentale.  Prima di lasciare l’isola, vale la pena tornare a Sandown e  Shanklin.

Perché allora non pernottare direttamente a Sandown e Shankin  ed evitare di tornare indietro? Semplicemente perché Ryde è molto più viva e le distanze sono comunque minime. Si tratta comunque di scelte.

DSC01466
Shanklin e il suo lungomare

Quanto a Shanklin trattasi di un paesino che si trova al centro della  Sandown bay e si fa notare per una spiaggia enorme interrotta solo dai costoni rocciosi. Tra l’altro qui le case di paglia, tipiche di tutta l’isola,  raggiungono la loro massima espressione. Merita poi di essere visitato assolutamente anche il “giardino giapponese” giardino che arriva praticamente fino alla spiaggia. I paesini orientali sono più vivaci e, nello stile tipicamente inglese, sono caratterizzati da varie aree per i giochi e i divertimenti. Tra questi anche da un bel minigolf.

DSC01517
Il giardino giapponese di Shanklin. Una visita imprescindibile
Annunci

6 commenti

  1. In effetti a parte i Dik Dik non pensavo che potesse interessare ad altre persone, ma un paio di giorni fa mi è capitato sotto gli occhi un articolo sul campeggio su quest’isola, e ora il tuo post. Sarà un segno del destino? Secondo me sì perché io amo l’Inghilterra e sono sicura che anche l’isola di Wight sarebbe proprio “my cup of tea” per rimanere in tema British 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...