villa-pignatelli-1.jpg

Villa pignatelli è una villa in stile neoclassico che se ne sta nascosta accanto ai giardini reali sulla riviera di Chiaia a Napoli. Il progetto per realizzarla fu commissionato dall’ammiraglio Acton all’architetto Valente e poi, successivamente, a Guglielmo Bechi. Alla morte di Acton la proprietà fu ceduta prima al banchiere ebreo tedesco von Rothschild e poi, successivamente. al principe Diego Aragona Pignatelli Cortes, che fece costruire nel parco lo chalet svizzero e la torretta neogotica.

villa-pignatelli

L’edificio – pensato come una domus pompeiana e che si impone su un bel giardino all’inglese – è caratterizzata da una pianta quadrata e si sviluppa su tre piani.   E’ decorato con paraste ioniche e basso frontone e affiancato da due avancorpi laterali a mo’ di tempietti. Il piano terra  conserva l’aspetto di dimora nobiliare e ospita la ricca collezione di porcellane orientali del settecento e dell’ottocento, nonché quadri ed altri reperti, mentre il   primo piano era destinato infine alla residenza padronale ed è caratterizzato anche dalla biblioteca.

Dal vestibolo ovale del pian terreno posto dopo l’ingresso   si aprono poi tre accessi grazie ai quali si accede agli altri ambienti. Tra i quali il più bello è sicuramente il grande salone delle feste e la sala dell’orchestra.

museo-delle-carrozze-4

 Di fronte alla villa,in una parte nascosta del giardino non visibile dall’esterno, vi sono poi le scuderie che, attualmente, ospitano “il museo delle carrozze”  con delle belle carrozze realizzate alla fine dell’800 tra Napoli, Parigi e Londra.
La visita alla Villa – che è stata recentemente restaurata – dura circa 20/30 minuti e, per quanto interessante e ben tenuta, non lascia ricordi indelebili. Sinceramente non è una visita  che consiglierei ad un turista che è a Napoli per la prima volta, se non in occasione di eventi quali mostre e concerti.
Annunci

Pubblicato da narrabondo

A volte viaggio, altre volte mangio. Di solito respiro. Da quando ho percorso il cammino di Santiago per la prima volta, ho deciso che il mondo è più bello se visto a piedi. Se visito una città, raramente prendo un autobus o una metropolitana. La trovo una perdita di tempo che impedisce di godere appieno del viaggio. Sono nato a Napoli e, anche se ormai vivo lontano, continuo ad amarla profondamente. Conosco la Spagna come le mie tasche, ma continuo a trovare sempre una scusa per tornarci e viverla. Ciò nonostante ogni tanto però fingo di interessarmi a qualche altro paese e ne scrivo. Scrivo pure di roba da mangiare e ristoranti, ma è solo una scusa per giustificare la mia pancia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Con i libri in paradiso

I libri servono a capire e a capirsi

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

MioCaroBlog

Positiva, sempre!

Astro Orientamenti

Ri Orientarsi, alla ricerca del nostro baricentro interiore

Parole in Processione

nevrotiche e appassionate

Num3ri v 2.0

I miei numeri - seconda versione

SOGNA VIAGGIA AMA

L' essenza dello spirito dell'uomo sta nelle nuove esperienze

Roma03

La guida di Roma e provincia per bambini da 0 a 3 anni, neonati e gravidanza: ludoteche, librerie, parchi, corsi, eventi e laboratori!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: