Cosa vedere e cosa fare a Maiori in un giorno

maiori9

Ormai, se si cerca su google in un qualsiasi paese del mondo, il primo sito web a fornirci i suoi suggerimenti è l’onnipresente tripadvisor.

Se però preferite leggere i consigli di una persona che conosce la zona in questione a menadito e che – per questo – cercherà di fornirvi delle informazioni non banali, questo è l’articolo che fa per voi.

 Dunque, domanda retorica: che possono fare i turisti che visitano Maiori ?

A me non piace scrivere  articoli contenenti dei meri elenchi promozionali, come ad esempio “10 cose da fare a..” ( anche se a volte l’ho fatto anche io), per cui –  per non smentirvi – cercherò di farvi un discorso onesto in cui suggerirvi effettivamente cosa vedere e fare a Maiori.

maiori8

Come è noto, il destino di Maiori ( il cui nome etimologicamente significa maggiore) è legato a quello della vicina Minori  ( il cui nome etimologicamente significa minore), visto che sono unite dalla presenza di un fiume – il Reginna – che, prima di sfociare a mare, si divide in due e connota i due paesi.

( a proposito: Reginna si scrive effettivamente con due enne!)

Per questo motivo converrebbe visitare assieme questi due paesi confinanti, spesso anche rivali tra loro. In questo post, tuttavia, scriverò esclusivamente di Maiori. Se  poi volete sapere anche cosa vedere o cosa fare a Minori, sappiate che ne ho scritto qui.

  • Cosa vedere e cosa fare a Maiori

  • Il lungomare e la torre normanna

Maiori  è un paese di quasi 6.000 abitanti  caratterizzato da un bellissimo lungomare che accompagna la spiaggia per oltre un chilometro ed ideale per fare una passeggiata fino alla Torre Normanna.torrenormanna

  • Palazzo Mezzacapo con i suoi giardini

Risalendo il lungofiume dal corso principale del paese si  potrà notare in fondo  il Castello di San Nicola de Thoro plano e a sinistra  la Chiesa di Santa Maria a Mare che, col suo campanile, domina Maiori dall’alto. L’edificio più interessante del Corso è, tuttavia, palazzo Mezzacapo che, attualmente, è sede del Comune. L’ingresso è caratterizzato  da scale in marmo, mentre le stanze risultano finemente affrescato.  Accanto a questo edificio ci sono poi i giardini disposti a forma di croce.

  • Mangiare un dolcino

Nel percorrere il corso noterete le insegne della pasticceria Napoli. Vale la pena entrarci per mangiare un dolce “bello bello” ( entrando capirete perché uso questi aggettivi)

  • Il borgo più antico di Maiori e il sentiero dei Limoni

maiori

Vale altresì la pena salire per le  scale che partono da piazzetta d’Amato e  conducono alla predetta Chiesa, perché ciò consente  di conoscere il borgo più antico di Maiori e di arrivare al punto di partenza del “sentiero dei limoni”, una breve ma bella passeggiata che permette di raggiungere la vicina Minori  – precisamente nella località denominata Torre – attraversando svariate coltivazioni di limoni che, come è noto, in costiera amalfitana sono chiamate “terrazze”).

  • I belvedere e le spiagge più belle di Maiori

Merita poi un accenno quello che, a parer mio, è l’angolo più bello di Maiori: il borgo di Erchie. Si tratta di una piccola frazione che dista 9 km dal centro di Maiori ed è praticamente confinante con Cetara. È caratterizzato da poche case, una torre e una spiaggia meravigliosa. Qui, inoltre, vi è un mare cristallino tra i più belli di tutta la costiera amalfitana.erchie

  • La spiaggia del Cavallo Morto e la grotta Pandora

Meritano poi una  sosta anche le spiagge di  Salicerchie e Caia Bellavaia. Quest’ultima – che è raggiungibile solo via mare – è più nota con il nome di spiaggia del Cavallo Morto. Secondo una storiella tramandata da secoli qui anticamente venivano gettati i purosangue morti. Secondo un altra versione, invece, qui precipitò accidentalmente un cavallo che nell’impatto morì.

Molto bella è poi anche la grotta Pandora, pure questa raggiungibile solo via mare.

  • Il capo d’Orso

Altro punto in cui vale  fermarsi è poi il capo d’Orso, è un angolo che si trova a 5 km da Maiori in cui la roccia sembra assumere la fisionomia di un orso. Da qui ci si sente padroni del mare e il golfo di Salerno si apre in tutta la sua magnificenza.

  • Il Santuario dell’Avvocata.

  • Santuario-dell-Avvocata-sopra-Maiori-Storia

Da Maiori inizia altresì un bel trekking che che conduce al Santuario dell’Avvocata. Non mi dilungo su questo percorso in questa sede, perché  a differenza del sentiero del Limoni – è abbastanza impegnativo e  per maggiori informazioni rimando all’articolo che ho scritto sui migliori trekking della costiera amalfitana. Per cui  qui mi limito a segnalare che esiste ed è molto panoramico.

  • Cosa mangiare a Maiori

Le melanzane con la cioccolata sono il dolce tipico che si prepara a Maiori. Lo si trova a ferragosto in occasione della festa patronale, ma sempre più spesso ci sono dei ristoranti che lo fanno preparare anche fuori dal periodo indicato.

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.