Cosa vedere a Spello

dav
SPELLO, ARTE MODERNA

Vi scongiuro,  se volete visitare Spello, risparmiatevi battute squallide del tipo “ti spello in due”, “vattene, altrimenti ti e-spello” oppure “spallo, spello, spillo, spollo, spullo”. So bene che i miei lettori sono tutti sani di mente e non farebbero mai battute del genere, ma sappiate che esistono persone che lo fanno e si nascondono in mezzo a noi.

  • Dove si trova Spello

Ciò detto Spello si trova ad una distanza di appena 11 km da Foligno, 11 km da Bevagna, 15 km da Assisi, 30  km da Perugia  e 65 da Gubbio. È dunque in una posizione geografica per ogni viaggio in Umbria ed è una meta imprescindibile. Per questo non potevo non inserirla nella mia guida su cosa visitare in Umbria in 8 giorni.

A me  piace davvero tanto sia di giorno che di notte.

  • Dove parcheggiare a Spello

Visitarla poi è un gioco da ragazzi: basta parcheggiare la macchina appena appena fuori dal centro storico nei parcheggi attrezzati e poi limitarsi a penetrare all’interno della cinta muraria percorrendo  la strada principale del paese che lo attraversa come una lisca fa col pesce.

  • Storia di Spello

Pur avendo acquistato grande autonomia e importanza già in epoca romana, Spello  ha fatto a lungo parte del ducato di Spoleto e poi dello stato pontificio per poi diventare libero comune con proprie leggi. Ciò le ha consentivo di svilupparsi notevolmente nel medioevo attraverso una propria economia.

  • Spello: cosa vedere passo dopo passo

L’ingresso alla città è tuttora romano: la monumentale porta Consolare, in calcare del Subasio, fende la cinta muraria e saluta i visitatori con una torre quadrata medievale e tre statue repubblicane di marmo che si affacciano sulla antica piazza del mercato.  A dirla tutta ci sono anche altre due porte: la Porta Urbica e la porta Venere.

Ciò che conta  sapere, tuttavia, è che – appena si mette piede dentro Spello –  bisogna seguire lunga strada in salita  che permette di effettuare una bella  colonscopia di tutta Spello ( vi è piaciuta la metafora?).

dav
I voli di Spello

Attraverso questa strada infatti si possono scorgere palazzi nobiliari, affacci panoramici, piazzette e numerosissimi negozietti che vendono salumi e tartufi di tutti i tipi e soprattutto si può arrivare davanti alla chiesa di Santa Maria Maggiore, dove è possibile ammirare gli affreschi del Pinturicchio realizzati all’interna della cappella Baglioni. Gli affreschi, tra l’altro, si caratterizzano per la presenza dell’autoritratto dell’artista.

Proseguendo la passeggiata  non passeranno di sicuro inosservato il palazzo comunale con iscrizioni  con iscrizioni romani, la biblioteca con mobilio veneziani e la fontana con lo stemma di Giulio III

Ci si imbatterà poi in una casa romana del I secolo d.c. situata nelle fondamenta del municipio e in cui è tuttora visibile la pavimentazione a mosaico con tessere bianche e nere, l’impluvium, la sala delle riunioni familiari e 4 stanze laterali all’altrio.. La domus, secondo studi attendibili, era di proprietà della madre di Vespasiano.

Chi voglia può tra l’altro visitare  la pinacoteca comunale in palazzo dei Canonici con opere di arte sacra risalenti al medioevo. Tra queste La Madonna in trono ( il Bambino è stato  coinvolto in un furto nel 2008).  Vi è anche una Madonna con Bambino del Pinturicchia, pure trafugata negli anni ’70  ma recuperata nel 2004.

dav
Verso la parte più alta di Spello

Vi sono poi palazzo Baglioni in piazza della Repubblica, palazzo Urbani e la cappella tega.   Quest’ultima è davvero particolarissima. Trattasi di una minuscola cappello con affreschi di Nicolò Alunno e Pietro di Mezzaforte:  Sant’Anna, la Madonna con il Bambino, la  Crocifissione, sei busti di Apostoli, la visione del Paradiso e dell’Inferno nella controfacciata della cappella.. Originariamente è stata sede   della confraternita dei Disciplinati di Sant’Anna per poi diventare addirittura la bottega di un sarto  che a metà ‘900 riscoprì le preziose pitture murali coperte dall’intonaco.

Ci sono poi altre due Chiese a  meritare tutta  la nostra attenzione: Sant’Andrea e San Lorenzo. La prima pure ospita un’opera del Pinturicchio ( “Madonna in trono e Santi” ), mentre San Lorenzo si caratterizza per  una facciata quasi quadrata, una loggia del XII secolo e i rosoni del XVI.
Salendo salendo ad un certo punto Spello vi sembrerà finita, nulla di più ingannevole. Finita la strada, saranno le scale a dover essere affrontate e vi porteranno, attraverso strade strette  e viuzze impenetrabili, a godere della vista più bella di Spello.

Nel percorso si noteranno stradine molto curate con fiori di mille colori: sono solo i segni tangibili della gara “del balcone più bello”. Da qualche anno infatti circa 60 partecipanti si sfidano per gareggiare a chi riesce a rendere più bello e “fiorito” il proprio vico.

La gara è molto sentita – tanto è vero che chi ha avuto un piazzamento nelle passate edizioni ci tiene a farlo sapere indicando la propria posizione – e ci sono tre categorie: Finestre fiorite e scorci, balconi fioriti e vicoli fioriti.

dav
Uno dei tanti vicoli fioriti di Spello
  • Eventi a Spello

Spello in realtà è famosa soprattutto per l’infiorata del Corpus Domini tra maggio e giugno. In tale occasione il borgo di Spello vede l’allestimento di un tappato di fiori di oltre un chilometro e mezzo. Inoltre tutte le vie del centro vengono impreziosite  da quadri di arte sacra realizzati con petali di fiori. In proposito va precisato che l’allestimento viene preparato dagli abitanti di Spello nel corso della  nottata precedente alla domenica del Corpus Domini. È la cosiddetta “notte dei fiori” .

  • Cosa mangiare a Spello.

È dura, davvero dura  passeggiare per Spello e non farsi invogliare dai tantissimi negozietti che propongono prodotti locali: salumi, salumi, fortissimamente salumi.

Se la pancia brontola i piatti tipici di spello sono gli  gnocchi di patate rosse di Colfiorito al ragù d’oca, l’insalata di ravanelli, la zuppa di legumi ( in particolare con la risina, una varietà di fagiolo, ceci e cicerchia.  Spello poi si trova nei dintorni di un’area di produzione di vino:  Sagrantino di Montefalco, Montefalco rosso,  Grechetto e  Assisi Doc.

  • Dove mangiare a Spello

Un ristorante particolarmente apprezzato è il Pinturicchio in Largo Mazzini 8. La cucina è umbra, ma con qualche variazione molto interessante.

  • Quanto tempo per visitare Spello?

Tempo minimo consigliato 3/5 ore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.