Salamanca – cosa vedere

Cosa vedere a Salamanca, una delle città più belle della Spagna

Quando passeggi tra le strade di Salamanca apprezzandone i monumenti, ti rendi subito conto di essere in una delle città più belle di tutta la Spagna ( cfr. Le più belle città di Spagna). Fondata 2700 anni fa circa, il centro storico di Salamanca oggi fa non a caso parte del patrimonio dell’umanità.
Ciò nonostante non crediate che sia una città austera e priva di vibrazioni, visto che si tratta pur sempre di una grande città universitaria animata 7 giorni su 7.
Del resto l’Università di Salamanca, fondata nel 1218 da Alfonso IX di León, è la più antica università attiva in Spagna e si contende il primato con l’università di Alcalà de Henares

Passeggiare allora nei suoi parchi verdi – come quello dei Gesuiti -, assaporarne la meravigliosa gastronomia e godersi in sintesi una città che ha tanto da offrire diventa così una esperienza emozionante per ogni turista. Ciò premesso, è difficile riassumere così tanto in un elenco sintetico, ma cercherò di farlo indicando cosa vedere a Salamanca con la massima attenzione.

Cosa vedere a Salamanca, SOMMARIO:

  1. Città vecchia di Salamanca
  2. Cattedrale Vecchia
  3. Cattedrale Nuova
  4. Casa delle Conchiglie
  5. Università di Salamanca
  6. Plaza Mayor
  7. La Clerecía
  8. Fiera di Salamanca
  9. Convento di San Esteban
  10. Rema il fiume Tormes
  11. Tapas e gastronomia
  12. Ponte Romano
  13. Parco naturale Arribes del Duero
  14. Città vecchia di Salamanca

1. Città vecchia di Salamanca

Un buon modo per iniziare a sentire il polso della città è passeggiare per le strade acciottolate della città vecchia ( ciudad vieja) di Salamanca. Questa zona, interamente dichiarata patrimonio dell’umanità, è costituita da un grande mix di edifici di grande importanza monumentale e storica – con cattedrali (sì, ci sono due cattedrali da vedere a Salamanca), conventi, ville e palazzi, nonché negozi locali e ristoranti.

Troverai così splendidi edifici in stile rinascimentale, gotico, barocco e moresco che si affacciano sulle strade principali attraversate. Ci sono più di 20 palazzi, quasi tutti dell’età dell’oro spagnola, che aprono le loro maestose porte al pubblico per mostre temporanee o di lunga durata.

Se ti diverte puoi anche prendere il trenino turistico che parte da Plaza de Anaya ogni mezz’ora in estate.

20150521_105924

2. Cattedrale Vecchia

Salamanca è una città con due cattedrali collegata tra loro. La più antica delle due, la Cattedrale Vecchia, è stata progettata tra il XII e il XIV secolo in onore di Santa Maria de la Sede, e presenta un’affascinante combinazione di stili romanico e gotico, ognuno dei quali riflette il cambiamento di moda durante la costruzione. All’interno spicca la bella pala d’altare del XV secolo con 53 pannelli dipinti che rappresentano il ciclo di vita della Vergine Maria e di Gesù. Le cappelle all’interno della cattedrale contengono le solenni tombe dei vescovi e dei nobili medievali.

20150521_154754

3. La cattedrale nuova

La Cattedrale Nuova – il cui nome ufficiale è Cattedrale dell’Assunzione della Vergine – fu completata tra il XVI e il XVIII secolo e presenta ugualmente un misto di stili: tardo gotico, rinascimentale e barocco.

Quando iniziarono i lavori, il barocco era già predominante, ma le autorità di Salamanca volevano che il nuovo edificio si armonizzasse con la vecchia cattedrale, quindi optarono per un aspetto gotico, quando ormai era già diventato obsoleto. All’interno, non perdetevi i dipinti rinascimentali di Giovanni Battista e della Vergine Maria.

Una curiosità: la cattedrale subì pochissimi danni materiali e nessuna vittima durante il terribile terremoto di Lisbona (9 della scala Richter) del 31 ottobre 1755 e per ricordare questo evento si decise che ogni 31 ottobre bisognasse salire alla torre per suonare le campane così rendere grazie a Dio per essere scampati indenni alla tragedia e chiedere che il terribile evento non si ripeta. E’, tuttavia, necessario misurare, anno dopo anno, l’inclinazione della torre, danneggiata dal terremoto, per verificare che non continui a inclinarsi. Gli incaricati di queste verifiche erano anticamente i Mariquelos, una famiglia che viveva all’interno della cattedrale ed era incaricata altresì di suonare le campane. La celebrazione del Mariquelos si è svolta dal 1755 ad oggi, tranne otto anni (1977-1984).

L’ultimo Mariquelo della famiglia è stato Don Fabián Mesonero Plaza, che ha smesso di scalare il cimbalillo nel 1977, ed è stato in realtà l’ultimo autentico Mariquelo.

4. Casa delle Conchiglie

20150521_121435

La sede della biblioteca cittadina è la Casa de las Conchas, un bellissimo palazzo gotico considerato una delle massime espressioni dello stile plateresco spagnolo.

Gli edifici platereschi hanno facciate estremamente decorate, progettate per assomigliare all’argenteria, con cenni agli stili moresco, lombardo e fiorentino. Nel caso della Casa de las Conchas ( delle conchiglie appunto) le pareti esterne sono adornate con le conchiglie di pellegrini e ci sono anche rilievi di vari scudi delle famiglie nobili Pimentel e Maldonado, che si erano sposate quando l’edificio era in costruzione.

All’interno c’è un bel cortile interno e al secondo piano il soffitto ligneo è rivestito di bellissimi motivi esagonali. Senza dubbio, la Casa de las Conchas è uno dei posti più belli da vedere a Salamanca.

5. Università di Salamanca

La più antica università attiva in Spagna e nel mondo ispanico è altresì uno dei posti migliori da vedere a Salamanca. Un tempo era tra le più prestigiose al mondo e oggi è il motivo principale per cui Salamanca è una meta privilegiata per migliaia di studenti, sia nazionali che internazionali. Sarai in grado di entrare in alcuni degli edifici più antichi della piazza, Patio de las Escuelas, che hanno imponenti disegni platereschi e le cui pietre hanno molte storie da raccontare. La facciata dell’edificio principale ha una scultura difficile da individuare, ovvero la rappresentazione di una rana seduta su un teschio: se riesci a trovarla senza aiuto avrai molta fortuna. Molti macabri significati sono stati attribuiti alla rana, ma non pochi pensano che sia solo un segno identificativo dello scultore che l’ha creata.

Nella piazza c’è una statua di Fray Luis de León, uno dei più importanti scrittori del Rinascimento spagnolo e uno dei tanti influenti studenti dell’Università di Salamanca. Altri illustri allievi furono: Luis de Góngora, Fernando de Rojas, Hernán Cortés, Antonio de Nebrija, San Juan de la Cruz e Bartolomé de las Casas, tra molti altri.

6. Plaza Mayor

Il rapporto dell’UNESCO dà una menzione speciale all’imponente Plaza Mayor di Salamanca. È stata progettata a metà del XVIII secolo in stile barocco. Il suo caratteristico porticato ha 88 arcate che percorrono tutto il perimetro della piazza, diviso solo dagli ingressi.

In cima a ogni pilastro c’è un medaglione che rappresenta una famosa figura della prestigiosa storia di Salamanca. I fortunati che vivono in Plaza Mayor hanno 247 balconi a disposizione. La piazza, per il resto, pullula di vita ad ogni ora del giorno e della notte anche grazie ai numerosi bar presenti.

20150521_125434

7. La Clerecía

Accanto alla Casa de las Conchas si trova questo edificio barocco dell’inizio del XVIII secolo. Costruito sotto gli ordini della moglie del re Filippo III, Margherita d’Austria, puoi visitare l’interno de la Clerencia solo se prendi parte a una visita guidata della Pontificia Università,che ha occupato l’edificio dagli anni ’40. Ne vale la pena.

8. Fiera di Salamanca

A settembre – anche se non in questo maledetto anno di coronavirus -, i charros scendono in piazza per promuovere i festeggiamenti per la Virgen de la Vega. I festeggiamenti iniziano l’8 e sono caratterizzati da una settimana di balli, feste, banchetti e sfilate.

La storia vuole che la Vergine Maria abbia contribuito a proteggere la città durante la Guerra di Successione Spagnola, cosicché la statua della Vergine medesima è stata portata nella Cattedrale di Salamanca dal vecchio monastero di Vega. Ogni anno c’è un ricco programma di corride, concerti, balli in costumi tradizionali, spettacoli pirotecnici e un magnifico mercato medievale. Se ti piace la confusione, prova a far coincidere il tuo viaggio con queste date e goditi una delle cose migliori da fare a Salamanca.

9. Convento di San Esteban

Mentre visiti questo monastero domenicano del XVI secolo, rimarrai colpito dall’opulenza e dalla stravaganza dell’edificio. Se anche tu hai passione per l’architettura, adorerai la scala in pietra della pala dell’altare maggiore, che è a sbalzo dalle pareti. Si tratta di un’opera di Rodrigo Gil de Hontañón, che costruì anche il Palacio de la Salina de Salamanca. Mentre cammini nel bellissimo Chiostro dei Re, guarda in alto per provare ad ammirare le cicogne che di solito camminano lì. Senza dubbio, è uno degli edifici più importanti da vedere a Salamanca.

10. Rema il fiume Tormes

E dopo tante visite culturali e calci per le strade di Salamanca, forse è il momento di provare una cosa originale da fare a Salamanca: remare su una barca sulle acque del fiume Tormes. C’è una società che affitta barche su una delle rive. Ogni barca può ospitare comodamente tre persone e, quando non fa troppo caldo, molte persone preparano un picnic e trascorrono ore galleggianti sotto i ponti della città in queste acque tranquille e poco profonde.

Cosa sono le tapas ? La filosofia spagnola – Narrabondo

11. Tapas e gastronomia

E dopo essersi aperti lo stomaco remando ( o comunque dopo aver passeggiato per la città), ci si può godere la gustosa gastronomia di Salamanca. In una città studentesca come questa, le tapas sono un modo economico per andare a cena fuori. Infatti, quasi tutti i bar servono gratuitamente una tapa con un drink. Quindi puoi provare tortillas, salsicce, formaggi … ma soprattutto salumi. Salamanca è infatti la patria per antonomasia del chorizo, del prosciutto e della pancetta. Non si può andare in città senza assaggiarlo! Se preferisci pranzare o cenare alla carta, non sarai poi a corto di opzioni . Ti consiglio in particolare di provare l’ Hornazo (una sorta di empanada ripiena di prosciutto, chorizo ​​e uovo sodo), la chanfaina, le ciambelle Ledesma e il prosciutto Guijuelo. Sono quest’ultime alcune delle prelibatezze da provare a Salamanca.

Cosa sono le tapas? Leggi questo articolo del narrabondo per sapere come ordinare.

12. Il Ponte romano

Il fiume Tormes ha diversi attraversamenti, ma nessuno è bello come questo ponte pedonale di quasi 360 metri. Risale al I secolo, ma la struttura che vedete ha preso forma intorno al tempo di Traiano nel del II secolo. Ci sono 26 archi, 14 dei quali sono rimasti invariati da quando è stata eretta la struttura. Gli altri sono stati ricostruiti dopo una devastante alluvione nel XVI secolo. Il ponte romano ti offre anche una delle migliori viste panoramiche sul centro di Salamanca, perché si possono vedere entrambe le Cattedrali.

20150521_153906

13. Parco naturale Arribes del Duero

E dopo aver scoperto i posti migliori da vedere a Salamanca, è tempo di lasciare un po ‘da parte la città e visitare uno dei luoghi naturali più belli che puoi trovare nei suoi dintorni. L’abbagliante parco naturale Arribes del Duero occupa un’area di 106,5 ettari nelle province di Zamora e Salamanca, quasi a formare un confine naturale tra Spagna e Portogallo. Ha uno dei laghi interni più grandi d’Europa e le viti crescono sulle sue aspre montagne. Il parco è particolarmente noto per la sua biodiversità e per i suoi corsi d’acqua, che si sono fatti strada attraverso il paesaggio. A sud del lago si trova l’impressionante cascata del Pozo de los Humos, circondata dalla tipica flora mediterranea. Arribes del Duero è un must per gli amanti della natura e le sue montagne offrono alcuni dei migliori panorami naturali della Spagna.

  • LEGGI ANCORA SUL NARRABONDO


Al termine di questo breve articolo dedicato a cosa vedere a Salamanca, sia consentito di promuovere i contributi pubblicati su altre città della Spagna, contributi di sicuro interesse per il lettore che sta pianificando il proprio viaggio:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.